Il commissario si congeda pagando Accademia e... gas

Venerdì 24 Maggio 2019
MANOVRA DI BILANCIO
ROVIGO Il commissario straordinario Nicola Izzo vara la manovra dell'addio. Ieri, durante il suo ultimo consiglio comunale, ha approvato una manovra da 407 mila euro, più 150 mila euro per sistemare via Calatafimi e le altre strade della città. A marzo, quando è stato approvato il bilancio di previsione, erano stati stanziati 407.530 euro nel fondo di soccombenza per le cause giudiziarie del Comune, soprattutto per far fronte alla partita milionaria del caso piscine, dove il conto si aggira sui 10 milioni di euro.
Fortunatamente, però, grazie a economie di spesa rendicontate nelle settimane seguenti al bilancio di previsione, si è riusciti a racimolare una cifra simile da destinare a questo fondo. Il commissario, così, ha deciso di spostare quei 407 mila euro, ormai rimpiazzati da una somma persino superiore, su diverse spese e interventi urgenti. Sono stati destinati 80 mila euro all'Accademia dei Concordi, arrivando già a completare il finanziamento annuale di 200 mila euro complessivi; 25 mila euro per il Consorzio Universitario Rodigino, tanto quanto investito nel 2018; 25 mila euro per le scuole paritarie; 22 mila euro per la sessione autunnale della stagione lirica del Teatro Sociale, visto che i festeggiamenti del bicentenario avevano intaccato il budget annuale; quasi tremila euro per le spese del luna park al Censer; 1.400 euro per lo svuotamento delle vasche biologiche degli edifici comunali; 10 mila euro di utenze del gas degli edifici pubblici; 20 mila euro per la manutenzione straordinaria dei cimiteri (investimento fortemente voluto dal subcommissario Luigi Armogida per le condizioni disdicevoli in cui si trovano); quattromila euro per la Protezione Civile. Una spesa che molto probabilmente non sarebbe piaciuta alla precedente amministrazione è quella per la quota societaria annuale del Consvipo, a cui andranno 53.470 euro.
OPERE STRADALI
Per quanto riguarda le tante buche che costellano le strade rodigine, da oggi sono disponibili al settore Lavori Pubblici altri 150mila euro per la copertura delle voragini più profonde, da sommare ai 170 già varati negli scorsi giorni. Una parte molto importante di questo stanziamento, però, è riservata a via Calatafimi, che si trova in condizioni davvero pessime e che il commissario Izzo ha personalmente preso a cuore, viste le sofferenze e lamentele di chi vive in quella zona ed è costretto a percorrere un giro più largo per evitare quella strada. Questa cifra è stata prelevata, sempre in via d'urgenza, dai 380 mila euro previsti per la nuova stazione delle corriere allo scalo merci ferroviario. Una voce di spesa che, in ogni caso, sarà ripristinata a luglio, quando le Ferrovie concluderanno le procedure per l'affidamento dell'area al Comune per realizzarvi la nuova autostazione.
Concludendo il consiglio comunale, il dottor Izzo ha poi approvato una serie di debiti fuori bilancio che da tempo attendevano di essere convalidati. Tra questi c'era anche il debito di Palazzo Nodari con Asm Set per la fornitura del gas degli edifici comunali, che lo ha indotto ironicamente a commentare «neanche il gas avevate pagato...», riferendosi al fatto che, tra le tante che cose per le quali è stato chiamato a guidare il Comune, c'era anche la necessità di mettere mano alle bollette per il riscaldamento.
Alberto Lucchin
© RIPRODUZIONE RISERVATA