ASPETTANDO NATALE
ROVIGO Le luci che illuminano la piazza, l'abete, il mercatino

Lunedì 9 Dicembre 2019
ASPETTANDO NATALE
ROVIGO Le luci che illuminano la piazza, l'abete, il mercatino con prodotti tipicamente natalizi, cioccolata calda e vin brulé. Con la cerimonia dell'Infiorata nel giorno dell'Immacolata è partito ufficialmente il Natale in città. Piazza Vittorio Emanuele II ieri pomeriggio si è riempita per il tradizionale omaggio alla Madonna della loggia di Palazzo Nodari. A fianco del vescovo Pierantonio Pavanello c'erano il sindaco Edoardo Gaffeo, il consigliere regionale Graziano Azzalin, il prefetto Maddalena De Luca, il questore Raffaele Cavallo e le altre autorità cittadine. Non potevano poi mancare i Vigili del Fuoco, protagonisti della suggestiva manifestazione.
POMPIERI PROTAGONISTI
Allo scoccare delle 17, infatti, i pompieri del comando provinciale diretto da Giorgio Basile si sono calati dall'altro della torre campanaria del municipio fino a porre sul balcone della Vergine una corona di fiori e a srotolare l'effige della Madonna, mentre dall'alto cadevano petali di rosa. A partire dal tardo pomeriggio i rodigini sono rimasti tutti con il naso all'insù. Dai più grandi ai più piccoli, sono rimasti incantati dalle performance dei vigili del fuoco.
L'omaggio alla Madonna ha visto protagonisti i pompieri Simone Rapieri, addetto alla manovra di discesa in corda doppia dall'autoscala per posare una corona di fiori sulla Madonna della Loggia dei Notari, Pietro Borgato e Marco Bolognesi per la discesa in corda doppia dalla torre civica del municipio per srotolare la tradizionale effige mariana, oltre agli assistenti Alan Ceron, Cherubino Lunardi, Gabriele Davin, Fabio Giuriato, Luca Bottoni e Lisa Pavan. A chiudere l'esibizione il suono delle sirene dopo ogni manovra dei pompieri e la caduta di petali di rosa dall'alto sulle note di canti mariani e natalizi.
LA BENEDIZIONE
Il vescovo ha quindi impartito la benedizione, augurando buone Feste. Il sindaco Gaffeo, prima delle operazioni curate dai Vigili del Fuoco, ha voluto rivolgersi al pubblico, oltre che per fare i propri auguri, anche per annunciare che la vicinanza alla cittadinanza è molto forte: «Ci sono dei momenti in cui tutti siamo portati a sentire un senso di comunità più forte, questo è uno di quelli. Credo che una Amministrazione pubblica, oltre ad avere l'onere e l'onore di amministrare in maniera onesta, debba contribuire a far sentire un grande senso di comunità ogni giorno. Noi - ha concluso - siamo a disposizione della nostra comunità con passione e dedizione: sarà bello nei prossimi mesi lavorare tutti insieme. Auguro a tutti un buon natale da parte dell'Amministrazione, sarà un fantastico 2020». L'attesa del pubblico al freddo dicembrino è stata ripagata da un passaggio per il mercatino, organizzato dal Comune e dai commercianti del centro storico, dove i rodigini hanno trovato tutto spunti per i regali di Natale. Le manifestazioni nel cuore della città dedicate ai bambini e alle famiglie, oltre al mercatino nelle casette di legno, continueranno fino alla Vigilia.
IL PRESEPE
Sabato è stato posizionato anche l'ultimo elemento tradizionale ancora mancante nella meravigliosa scenografia natalizia allestita sul listòn: il presepe. Una Natività all'interno di una scultura in legno realizzata da uno scultore di Asiago, che rimarrà fino al 15 gennaio.
Alberto Lucchin
© RIPRODUZIONE RISERVATA