Lunedì 18 Giugno 2018, 00:00

L'arrivo dell'Aquarius

IL REPORTAGEVALENCIA «Mi chiamo Alì, ho 18 anni e vengo dalla Nigeria. Ho perduto i miei genitori quando avevo 11 anni in un incidente d'auto. Da allora sono cresciuto con i nonni. Nella mia terra crescere senza genitori è stata la cosa più difficile. Sono arrivato in Libia, ma la Libia non è un luogo possibile per nessun essere umano. Ti rubano tutto ciò che hai, anche l'anima, ti annientano». Come tutti i 630 disperati giunti a Valencia dopo un'interminabile odissea nel Mediterraneo, non appena scesa la scaletta dell'Aquarius, Alí è...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
L'arrivo dell'Aquarius
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER