Martedì 4 Settembre 2018, 00:00

Amir vive un incubo: «Mia cugina era un computer»

Amir vive un incubo: «Mia cugina era un computer»
LA TESTIMONIANZACORDIGNANO Amir Findo non aveva ancora metabolizzato il brutale assassinio degli zii Amit e Nazmije Pocesta e della cuginetta Anila, quando sul web è circolata la notizia che a sterminarli a colpi di pistola era stata Blerta, 28 anni. «Non potevo crederci - dice scuotendo la testa - Ho chiamato subito mia madre che si trova a Debar, in Macedonia». E il peggiore degli incubi è diventato realtà. «È stata lei - mi ha detto - ha confessato. Le hanno messo sul tavolo filmati e tante prove, inconfutabili».LA RESABlerta...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Amir vive un incubo: «Mia cugina era un computer»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER