Xtreme days per trentacinquemila

Martedì 9 Luglio 2019
Xtreme days per trentacinquemila

SACILE
Uno show indimenticabile firmato Xtreme days, quello che si è concluso domenica sera dopo una tre giorni intensa e ricca di appuntamenti. La sesta edizione per il più grande festival di sport freestyle ed estremi in ambiente urbano d'Italia, con oltre 20 discipline e tantissimi atleti nazionali e internazionali presenti.
L'ASSALTO DEI 35MILA
Ed anche la terza giornata ha dovuto fare i conti con la pioggia che però non ha scoraggiato pubblico e atleti partecipanti: in 35mila sono accorsi nelle varie location per vivere da protagonisti e da spettatori una giornata emozionante, che si è conclusa con uno show mozzafiato. Nell'ultima giornata particolarmente affollate le aree dedicate alle attività per i bambini, dove si sono registrate code lunghissime. Tuttavia, rispetto alle edizioni precedenti, è cresciuta anche l'adesione alle attività per gli adulti, per un'edizione che conferma il crescente e diffuso interesse per queste discipline. Alla fine sono state 5 mila le iscrizioni alle varie attività che sanciscono come gli Xtreme days siano diventati un palcoscenico per professionisti, appassionati e curiosi, pronti a vivere con passione una kermesse che ha registrato nuovamente il sold-out in moltissime discipline.
LO SHOW ADRENALINICO
«La pioggia di domenica pomeriggio non ha fermato il festival e nemmeno il pubblico, accorso in piazza del Popolo per l'Xtreme days show - spiegano dalla Pro Sacile - lo spettacolo principe della manifestazione che a causa del maltempo non era potuto andare in scena sabato sera. Ha regalato momenti indimenticabili, mettendo in scena professionalità e bravura in un'alchimia travolgente, catalizzando l'attenzione del pubblico dal primo istante: un'esibizione travolgente che ha racchiuso il meglio delle attività freestyle, coreografato dai Da Move, pionieri del movimento freestyle europeo e impreziosito dall'esibizione dei Dunking Devils, tra le più prestigiose squadre acrobatiche di basket che dalla Slovenia hanno raggiunto il palcoscenico mondiale». Nel corso dello show si sono esibiti sul palco due celebri crew di breakdance: gli Street Warrior, presenza constante dalla prima edizione del festival, che hanno sfidato i Bandits Crew, crew milanese, in uno spettacolo di energia e vitalità che ha coinvolto tutto il pubblico in un mix inedito.
LA PIAZZA PALCOSCENICO
Piazza del Popolo è diventata così il palcoscenico diffuso per un mix adrenalinico che ha coinvolto moltissimi protagonisti di queste giornate, che hanno collaborato per la migliore riuscita di uno show che sarà ricordato a lungo. Da ricordare le performance di Trickline, tra cui spicca la presenza di Giada Regoli, trickliner di 21 anni, una delle pochissime atlete di questa disciplina ,e l'esibizione del trial biker Paolo Pool Patrizi, tra i migliori bike entertainer italiani, che ha intrattenuto il pubblico con salti mozzafiato ed evoluzioni ai quattro angoli della piazza. Lo spettacolo si è concluso con l'esibizione di Flyboard con Cristiano Perseu, il rider nazionale con all'attivo il numero più alto di spettacoli realizzati, che ha concluso sorvolando le acque del Livenza con evoluzioni suggestive nel cielo notturno e con la giusta dose di spettacolarità; insomma, una serata indimenticabile.
UN'EDIZIONE DA RECORD
«Una edizione di successo - sottolineano da Sacile Cambia marcia - che ha registrato una grande affluenza di pubblico con ospiti importanti, come Fausto Vicari, campione italiano in carica nella categoria Freestyle, le esibizioni di tessuti arei e AcroYoga, i Bike Trial e Trickline Show, lo show di Hip Hop e Breakdance, con alcuni tra i più affermati protagonisti della scena nazionale come Mike Fields e Ricky Benetazzo, e il Beach volley, quest'ultimo allestito nel Foro Boario. Successo di presenze anche al lago di Barcis con lezioni di QiGong bambini, salti e tuffi, indoboard, street boulder, arco battle, prove di minikart, Kids Camp Feestyle e molto altro». Le scelte artistiche degli organizzatori, innovative e coraggiose, sono state premiate da pubblico e atleti e non solo: gli organizzatori hanno infatti avuto il riconoscimento e il contributo della presidenza del consiglio dei ministri del governo italiano, ufficio sport, grazie all'attenzione al progetto del sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Un'edizione che si conclude con la meraviglia negli occhi e la voglia di esplorare le possibilità di discipline che incarnano libertà, serietà e condivisione.
Francesco Scarabellotto
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci