Stupro in Psichiatria quattro anni al profugo

Mercoledì 10 Maggio 2017
Stupro in Psichiatria quattro anni al profugo
Quattro anni di reclusione al profugo che il 22 marzo dello scorso anno, ricoverato nel reparto di Pediatria dell'ospedale di Pordenone, stuprò una paziente. Il gup Piera Binotto ha accolto le conclusioni del pm Marco Brusegan: 6 anni che, con lo sconto previsto dal rito abbreviato, sono scesi a quattro. Non sono state concesse le attenuanti generiche invocate dall'avvocato Marco Sparti e che lo stesso difensore tenterà di far valere nel processo d'appello. A Y.M., ventitreenne afghano tuttora sottoposto a misura cautelare in carcere, il gup ha applicato le tutte le pene interdittive previste per i reati di natura sessuale. Ha inoltre disposto la provvisoria esecuzione di un risarcimento di 30 mila euro a favore della parte civile costituita con l'avvocato Remo Lot. Non è escluso che la parte civile, visto che il richiedente asilo non ha soldi, si possa rivalere sulla struttura sanitaria.
Il rito abbreviato era condizionato a una perizia affidata allo psichiatra Francesco Piani. Il consulente aveva spiegato che il giovane è affetto da disturbo antisociale con un difetto paranoide della personalità dovuto al grave isolamento sociale a cui era stato costretto nel paese d'origine. Era tuttavia capace di intendere e volere al momento del fatto ed è stato in grado di partecipare al processo (anche ieri era presente). Agli atti c'erano anche la testimonianza della vittima, raccolta a suo tempo con la formula dell'incidente probatorio, e i risultati della perizia sul Dna.
Y.M. era arrivato a Pordenone assieme a un gruppo di connazionali ed era stato escluso dal programma di accoglienza in seguito a una rissa e a una tentata violenza sessuale nei confronti di un diciannovenne, anche lui di nazionalità afghana, con il quale condivideva l'appartamento assegnatoli attraverso il programma di accoglienza. Ricoverato in Psichiatria perchè si era reso protagonista di gesti di autolesionismo, alla vigilia delle sue dimissioni aveva violentato una delle donne ricoverate nel reparto approfittando del fatto che in quel momento gli infermieri erano impegnati a sbrigare le pratiche relative ad alcune dimissioni.
© riproduzione riservata

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci