Schianto in moto e morte: il risarcimento dopo 3 anni

Sabato 29 Maggio 2021

AVIANO
Schianto e morto e senza colpevoli: la tenacia degli esperti di Giesse Risarcimento Danni (Grd) di Belluno, con una sede a Pordenone, ha permesso, attraverso una trattativa extragiudiziale, di trovare un accordo con Generali, facendo incasssare un risarcimento - da quanto di è appreso - di clune decine di miglia di euro ai familiari di Flavio Sacilotto, 57enne odontotecnico, di Marsure, morto nel 2018 ad Arcola (Claut) lungo la 251 nel 2018, dopo una carambola in moto. «Ci dissero che non c'era nulla da fare, ma noi non ci abbiamo creduto - fanno sapere i familiari della vittima -. Coontroparte ha riconosciuto la responsabilità dell'incidente non era da attribuire esclusivamente a Flavio dicono ii familiari -. Chi ci seguiva prima di Giesse ci aveva detto che non c'era nulla da fare, ma noi siamo andati avanti. Lo dovevamo a Flavio e alla sua memoria. Era un uomo molto presente e attaccato alla famiglia, un sostegno per tutti noi. Ogni anno accadono numerosi incidenti mortali con vittime motociclistii ed a loro viene subito attribuita la colpa, ma come nel nostro caso, spesso avvengono anche per leggerezze o distrazioni degli automobilisti».
LO SCHIANTO
L'incidente risale al 21 aprile 2018. Erano appena passate le 12 e Flavio, in sella a una Kawasaki 600, procedeva con un amico lungo la 251, una strada molto amata dai motociclisti, verso Claut. Davanti a lui c'era la Clio di A.T. che avrebbe deviato a sinistra per dirigersi verso uno spiazzo dall'altra parte della carreggiata. Tutto si svolse in un attimo: Flavio non riuscì a frenare e andò a sbattere contro il lato sinistro della Clio rovinando a terra. Morì praticamente sul colpo, nonostante il prodigarsi dei medici del 118.
INDAGINI
Nell'aprile 2019, il Tribunale di Pordenone accolse la richiesta di archiviazione proposta dalla procura, bocciando l'opposizione dei familiari che volevano il processo per omicidio stradale. I familiari decisero così di chiedere aiuto a Giesse e a 3 anni dalla tragedia il risarcimento.
LA BATTAGLIA
«Il caso era difficile, ma abbiamo intravisto una possibilità di riuscita, sentendoci emotivamente vicini alla famiglia di Flavio. La nostra esperienza ci ha insegnato a percorrere ogni possibilità - spiegano per Giesse Luca Infanti e Silvano Cibien -. L'assistenza e la tutela che forniamo ai danneggiati e ai loro parenti in casi di incidenti con esiti gravissimi o mortali implica rapporti diretti e costanti con i manager delle compagnie di assicurazione, frutto di oltre 25 anni di esperienza e di oltre 5.500 casi mortali gestiti. Numeri che ci hanno fatto guadagnare il rispetto delle compagnie e di avere maggiore forza contrattuale nei loro confronti». (Ro)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA