I ricordi nel cassetto dei grandi campioni

Domenica 16 Maggio 2021
I ricordi nel cassetto dei grandi campioni

SACILE
La collezione del Museo del ciclismo di Toni Pessot, che raccoglie le maglie di alcuni dei campioni del passato,la raccolta delle Domeniche del corriere di Sergio Camol, ricordi del Museo di Portobuffolè e alcuni cimeli tra i quali una storica fotografia di Sacile che ritrae il passaggio della 11 tappa Udine - Verona del giro del giro 1026 con i corridori che transitano attraverso la Torre dei Mori, la tessera numero di socio della Società ciclistica sacilese sottoscritta da Giovanni Micheletto il 28 dicembre 1947 e l'elenco dei successi conquistati dal campione sacilese; al Campionato Veneto di resistenza nel 1907, la 2° tappa della Eliminazione Peugeot e nella 2° tappa del giro del Veneto nel 1909, la doppietta del 1910; La Bologna Toscana e il Giro di Lombardia, il giro di Romagna nel 1911, il giro d'Italia a squadre con l'Atala nel 1912 la Parigi Menin nel 1913, anno in cui dopo aver vinto la 1° tappa del Tour de France Nane così lo chiamavano i tifosi si è ritirato, le maglie dell'altro campione di casa, Denis Zanette, sono esposti alla mostra, Ricordi dal cassetto, storie , oggetti, immagini dei nostri grandi campioni, frutto della sinergia tra le amministrazione comunali di Sacile, Caneva e Portobuffolè allestita nella suggestiva cornice dell'ex chiesa di San Gregorio impreziositi dalle immagini della inaugurazione nei giorni scorsi del monumento a Marco Pantani realizzato dallo scultore sacilese Alberto Pasqual.
«Un evento che le tre Amministrazioni - ha sottolineato il sindaco Carlo Spagnol-, accanto a lui il collega di Caneva Dino Salatin, gli assessori sacilesi, Roberta Lot, Alessandro Gasparotto, Antonella Baldo, l'assessore di Portobuffolè Valter De Martin il presidente del comitato provinciale Fgi Raffaele Padrone il presidente del Gs Caneva Michele Biz -,hanno voluto per arricchire con i cimeli di campioni italiani e stranieri gli eventi che ci accompagneranno fino al 24 maggio quando la nostra città ospiterà nuovamente la Corsa rosa». «Se i territori vogliono essere uniti, lo sport offre loro queste opportunità», ha affermato il sindaco di Caneva ricordando che la collezione del Museo del ciclismo ospitato nel suo comune è nato per celebrare l'anniversario dei 90 anni della maglia rosa introdotta nella storia del giro d'Italia nel 1931. Salatin ha ricordato che «la mostra abbraccia dal 1946 al 1993 maglie uniche, ognuna di esse porta con sé una storia fatta di fatica, sudore, sogni e gloria». Ha quindi informato dell'evento in programma il 23 maggio: la visita guidata in sella a biciclette elettriche con partenza da Sacile , una escursione lungo i suggestivi colli canevesi con rientro in riva al Livenza. «I valori dello sport - ha sottolineato l'assessore di Portobuffolè Padrone - sono rappresentati da questa mostra che abbiamo voluto per festeggiare il Giro d'Italia che dopo tanti torna nelle nostre zone ricche di campioni».
M.S.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA