Gli rubano i fari dell'auto. Per la seconda volta

Venerdì 11 Settembre 2020
Gli rubano i fari dell'auto. Per la seconda volta
VIGONZA
Per la seconda volta in nove mesi derubato dei fari dell'auto. Nuovo colpo dei cosiddetti cannibali di auto, la banda di malviventi che, approfittando della notte e della poca illuminazione, saccheggia le auto lasciate in sosta, in particolare di accessori e parti elettriche, ma anche di fanali e paraurti. Stavolta i ladri hanno preso di mira un'Audi lasciata in sosta nel parcheggio in via Sant'Andrea a Perarolo. La stessa macchina oggetto di furto già nove mesi fa. «Pazzesco! La prima volta a gennaio e adesso la seconda: a Vigonza non c'è alcuna vigilanza notturna e di notte i predoni possono girare indisturbati». A raccontare la spiacevole scoperta è S.Z., residente in via Sant'Andrea che ieri mattina, poco prima delle 8, è uscito di casa per andare a prendere l'auto che aveva parcheggiato nel piazzale vicino alla sua abitazione, per poi recarsi al lavoro. La macchina, nottetempo, era stata aperta, con la serratura danneggiata, ed era senza i due fari anteriori a led comprese le due centraline elettriche. «Un danno ingente aggiunge l'uomo -se si calcola che ogni faro costa sui 1.500 euro. A gennaio avevano preso tutti e quattro i fanali e rubato anche in altre tre o quattro auto. Stavolta è toccato solo a me, forse perché nelle vicinanze non c'erano altre macchine simili alla mia. Ieri sera (mercoledì, ndr) sono tornato a casa da una cena verso le 22.30; ho parcheggiato di fronte a casa come sempre, e poi una volta rientrato mi sono messo a fare dei lavori al computer e alla fine mi sono ritirato a letto verso l'una. Dal terrazzo di casa mia vedevo l'auto parcheggiata di fronte e mi sembrava tutto ok. E, invece, mi sono alzato alle 7.30 per andare al lavoro e mi sono trovato la sorpresa del furto dei fanali». È quindi molto probabile che i malviventi abbiano agito proprio nel cuore della notte, tra le due e le tre del mattino. «Con il furto subito a gennaio prosegue l'uomo - il danno è stato superiore ai 5.000 euro e per fortuna l'auto è coperta dall'assicurazione. Ho denunciato l'episodio ai carabinieri». Come sta accadendo in molte parti del paese, stanno crescendo i furti di pezzi e componenti di auto, di media e alta gamma, che poi vengono rivenduti nel mercato nero dei pezzi di ricambio a prezzi convenienti e scontati. «Qui a Vigonza non c'è alcuna vigilanza notturna, e di notte i predoni, di auto ma anche di case, possono girare indisturbati a rubare tutto quello che vogliono».
Lorena Levorato
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci