Vaccini, al via la terza dose per le categorie più fragili

Venerdì 17 Settembre 2021

LA CAMPAGNA
La Asl di Latina è già partita con le chiamate attive rivolte a circa duemila pontini, o pazienti comunque in cura presso le strutture sanitarie della provincia, che necessitano della terza dose addizionale di vaccino anti-Covid. Si tratte degli appartenenti alle categorie fragili indicate dalla circolare del Ministero della Salute del 14 settembre scorso. Parliamo dei trapiantati di organo solido in terapia immunosoppressiva, di persone che hanno ricevuto trapianto di cellule staminali, di coloro che si trovano in attesa di trapianto d'organo o in terapie a base di cellule T.
E ancora delle persone con patologia oncologica, con immunodeficienze primitive e immunodeficienze secondarie. L'elenco continua con chi è in dialisi o che ha insufficienza renale cronica grave o ha pregressa splenectomia. . Si parte dai pazienti trapiantati. Già da questo fine settimana la Asl di Latina effettuerà le prime somministrazioni o presso gli hub o presso le strutture ospedaliere, utilizzando i farmaci a mRna Pfizer e Moderna. Per dose addizionale s'intende «una dose aggiuntiva di vaccino a completamento del ciclo vaccinale primario» che sarà «somministrata al fine di raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria». La terza dose addizionale si distingue dalla terza dose booster che il Comitato tecnico scientifico e l'Aifa hanno accordato per gli ultra ottantenni e ospiti delle Rsa al fine di mantenere «un'efficace risposta immune al vaccino dopo il completamento del ciclo vaccinale, dopo almeno 6 mesi dall'ultima somministrazione». «Tale opzione (la terza dose booster, ndr) può essere resa disponibile anche agli operatori sanitari, a seconda del livello di esposizione all'infezione, del rischio individuale di sviluppare forme gravi di Covid-19 e in accordo alla strategia generale della campagna vaccinale», si precisa in una comunicazione dell'Agenzia italiana del farmaco. Anche per la dose booster verranno utilizzati i farmaci Pfizer e Moderna. «Da un punto di vista organizzativo per la somministrazione delle dosi booster ha precisato ieri la dottoressa Silvia D'Aguanno, responsabile della campagna vaccinale anti-Covid della Asl di Latina siamo in attesa dell'emanazione di apposita circolare del Ministero della Salute». Rita Cammarone
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA