Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Imprese in forte difficoltà ma il sistema resiste

Giovedì 28 Gennaio 2021
Imprese in forte difficoltà ma il sistema resiste

CAMERA DI COMMERCIO
Il tessuto imprenditoriale della provincia di Latina è in crisi, principalmente a causa del Covid, ma i numeri non sono così impietosi. Lo sottolinea il rapporto Movimprese della Camera di Commercio dal quale emergono «indicazioni di un bilancio positivo del numero di imprese, che però sono in affanno» spiega il presidente della Camera di Commercio di Latina e Frosinone, Giovanni Acampora. «Nel clima di incertezza legato al prolungarsi dei tempi e all'aggravarsi degli effetti dell'emergenza Covid - aggiunge Acampora - hanno prevalso tra gli imprenditori, scelte improntate alla prudenza e al rinvio di aperture di nuove attività, così come alla ancor più dolorosa decisione di chiudere i battenti ha prevalso l'opzione della resistenza, soprattutto dove l'impresa rappresenta la principale fonte di sostegno al reddito familiare».
Il settore che fa registrare numeri in crescita è quello delle costruzioni grazie principalmente all'ecobonus che contribuisce ad oltre la metà dell'avanzo imprenditoriale a tutti i livelli territoriali. I dati di Movimprese tracciano l'andamento del 2020, ma gli effetti pandemici risultano ancora sotto traccia, «in una sorta di congelamento delle scelte imprenditoriali sia in termini di nuove aperture che di cessazioni dell'attività, condizionate oltre che da prospettive di assoluta incertezza, anche dagli interventi governativi che, seppur improntati all'emergenza, hanno permesso di contenere la perdita di posti di lavoro, di evitare l'impennata dei fallimenti, le cui procedure sono state rinviate, di contenere la crisi di liquidità delle imprese senza precedenti tramite lo strumento del Fondo di Garanzia e le moratorie sui prestiti».
A livello provinciale si evidenziano comportamenti imprenditoriali piuttosto diversificati, con un rallentamento del tasso di sviluppo imprenditoriale evidenziato su scala regionale, sebbene con un'accentuazione più significativa in provincia di Latina, la cui crescita è quasi dimezzata. Nei quattro settori considerati (costruzioni; noleggio, agenzie di viaggio e pulizie; alloggio e ristorazione; attività professionali scientifiche e tecniche) ammonta a 57.663 lo stock di imprese. Nel settore costruzioni le imprese sono 7.479 (+128), nel noleggio 2.124 (+64), alloggio e ristorazione 4.806 (+49) e nelle attività professionali 1389 (+43). «L'analisi ha sottolineato il Presidente Acampora - consegna una quadro preoccupante che deve indurre ad intervenire con urgenza senza perdere ulteriori occasioni, in quanto dopo i sacrifici imposti alle famiglie, alle imprese ai lavoratori e ai giovani, a causa dello shock economico senza precedenti che ha caratterizzato l'intero anno appena trascorso, è venuto il tempo di intervenire con obiettivi, strategie chiare e tempi certi».
Francesca Balestrieri
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA