Harry e Meghan, la Corte al tempo dei social: così “The Crown” rischia di precipitare nel mondo reale

Giovedì 9 Gennaio 2020 di Maria Latella
Harry e Meghan, la Corte al tempo dei social: così The Crown rischia di precipitare nel mondo reale

“The Crown” ha resistito più o meno a tutto, ai nazisti e alla seconda guerra mondiale, a Wallis Simpson e alla rinuncia al trono del duca di Windsor, alle crisi economiche degli anni 70 e agli amori della principessa Margaret. Persino il grande freddo che avvolse the Queen dopo la tragica fine di lady Diana si era pian piano intiepidito, fino a riconsegnare “la Ditta” all’amore incondizionato dei sudditi.

Harry e Meghan si "dimettono" da reali: «Saremo autonomi». Vivranno tra Gb, Canada e Usa

Ma ora? Reggerà The Crown alla nuova frattura familiare, annunciata su Instagram da Harry e Meghan, duchi di Sussex pronti a fare armi e bagagli per trasferirsi in Canada e, cosa inaudita, perfino cercare lavoro?
I pessimisti prevedono di no, questo nostro tempo che consuma rapidamente i leader politici e perfino i Papi, avendone noi ora addirittura due, questo tempo così veloce potrebbe consumare anche i i Windsor, rivelare la fragilità di un’istituzione, la monarchia, che ha resistito ai secoli, è vero, ma solo perché non c’era Instagram. Fin quando i segreti restavano tra Balmoral e Buckingham Palace, o nei cassetti dei servizi segreti di Sua Maestà, tutto si è potuto aggiustare. Anche i tabloid, tutto sommato, erano addomesticabili: quando Sarah, moglie del principe Andrea, fu scoperta e fotografata in Costa Azzurra mentre un accompagnatore si prendeva affettuosa cura del suo alluce, fu allontanata e il caso chiuso. 
 

 


LA SLAVINA
Ma in tempi nuovi nessuno ha il potere di frenare la slavina. La vecchia foto che mostra il principe Andrea con una minorenne in casa dell’amico Jeffrey Epstein, oggi pubblicata e ripubblicata ovunque insieme alle accuse dell’ex ragazzina, lo perseguita da un anno da ogni cellulare. 
I social commentano, giudicano, amplificano. Se in un video natalizio Kate si sottrae al gesto affettuoso del principe William, il frame è lì, sotto gli occhi di tutti, a rivelare che forse pure in quella coppia le cose non vanno più tanto bene.

Harry è arrivato a citare in giudizio alcuni giornali, accusandoli di perseguitare sua moglie Meghan cosi come avevano fatto con sua madre Diana. 
Ma è servito a poco. I tabloid interpretano, o credono di interpretare, lo spirito del tempo (il vento populista si direbbe da noi), quello per cui Meghan è vista come una viziatissima starlette americana che pensava di poter incassare i privilegi dei Royals senza pagare pegno.
Ecco perciò che i duchi di Sussex fanno i bagagli e vanno a vivere da celebrities quali sono ma, pare, senza piu spendere i soldi dei contribuenti. Chissà se tra qualche anno anche Harry, come il duca di Windsor, si batterà per un piccolo aumento dell’appannaggio. E chissà se glielo daranno.

GLI EREDI
Per ora la novantatreenne Elisabetta è costretta a puntare tutto su tre maschi della famiglia: il figlio Carlo, il nipote William e il bisnipote George. Con loro si è fatta fotografare per Natale, giacché se i matrimoni ormai non durano neppure a Buckingham palace, almeno i tre eredi in casa resteranno. Chi ha visto la serie “The Crown” sa che Elisabetta l’ aveva previsto. Dopo aver accettato che la BBC girasse negli anni 60 una sorta di documentario sulla famiglia reale, ferocemente criticato poi dal Guardian, decise di vietare le repliche in Gran Bretagna e in altri Paesi. «Resisteremo solo fin quando resisterà un po’ di mistero», le fanno dire gli sceneggiatori di “The Crown”. Ma ora che si sa tutto o quasi, ai Windsor non resta che scegliere tra la ditta o la libertà. E magari uscire di scena, uno dopo l’altro. Come per primi hanno fatto Edoardo VIII e poi lady Diana.
Maria Latella

Ultimo aggiornamento: 00:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche