Tre mesi di lavori per rimettere a posto i marciapiedi

Martedì 12 Giugno 2018

IL RESTYLING
BELLUNO Uomini al lavoro, da domani, in quattro vie della città. Sono ai nastri di partenza i cantieri per il rifacimento di una serie di marciapiedi. Le vie interessate saranno via Segato, Dante, Lungardo e Bettio. I lavori verranno eseguiti dalla ditta Erregi srl di San Martino di Lupari, costeranno 150mila euro e saranno ultimati in 90 giorni. «La manutenzione del territorio è fondamentale spiega l'assessore delegato Biagio Giannone -, ma da una decina d'anni a questa parte i Comuni si trovano a dover fare i conti con sempre meno risorse in cassa da poter investire, e questo rende sempre più difficile programmare ed eseguire interventi sul territorio; sappiamo che c'è molto da fare, ma questi interventi miglioreranno il decoro delle nostre strade e, soprattutto, aumenteranno la sicurezza dei pedoni, dagli scolari agli anziani. Abbiamo deciso di svolgerli nel periodo estivo per sfruttare la chiusura delle scuole ed evitare così problemi al traffico». Si partirà da via Bettio: il cantiere interesserà il tratto di marciapiede tra la rotonda di via Vittorio Veneto e l'incrocio con via Francesco Della Dia. «E' prevista la demolizione parziale di 135 metri di cordolo e la successiva ricostruzione annuncia Giannone -, dopodiché, si procederà con i tradizionali lavori di risistemazione». Ma il cantiere più impegnativo in termini di tempo, quello su cui gli operai della ditta si fermeranno più giorni, sarà quello di via Segato e via Dante, dal lato della scuola Gabelli. «Verranno rifatti circa 300 metri di cordonate, adeguati gli scivoli in prossimità degli attraversamenti pedonali anticipa Giannone -, sarà posata la nuova pavimentazione e verranno ripristinati e messi in quota pozzetti e chiusini». I lavori in via Lungardo interesseranno il lato che costeggia il torrente Ardo. «In questo caso, parliamo di 330 metri di cordonate - spiega ancora l'assessore ; oltre ai lavori di sistemazione illustrati prima, qui ci sarà anche la sistemazione della rete di smaltimento delle acque piovane e il risanamento di un tratto di 70 metri circa di muratura a bordo marciapiede». Insomma, se il meteo lo permetterà, entro tre mesi quattro vie della città avranno in parte marciapiedi del tutto rinnovati, con buona pace dei pedoni e soprattutto dei cittadini più anziani; sono le persone di una certa età, infatti, quelle lamentare di più i disagi legati al dissesto dei marciapiedi, dove buche e radici degli alberi rendono facile inciampare.
A. Tr.

© RIPRODUZIONE RISERVATA