Martedì 12 Febbraio 2019, 00:00

«Nessuno vigilò il paziente per almeno 4 minuti»

IL PROCESSOBELLUNO «Il cuore ha ripreso a battere, ma il cervello non si è più ripreso a causa del tempo intercorso senza ossigenazione». Circa 4 minuti, ha detto ieri in aula, in Tribunale a Belluno, il consulente della Procura Antonello Cirnelli, che ha parlato con il cardiologo Cosimo Perrone, anche lui consulente del pm che fece gli accertamenti specialistici. In quei 4 minuti nessuno stava vigilando Ferdianndo Casanova, il veterano del Belluno calcio, di Limana, morto il 10 settembre 2016 a 75 anni. Il decesso arrivò dopo il malore...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Nessuno vigilò il paziente per almeno 4 minuti»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER