L'APPELLO
BELLUNO Continua l'allarme dei cani vaganti. È il caso di una

Giovedì 12 Settembre 2019
L'APPELLO
BELLUNO Continua l'allarme dei cani vaganti. È il caso di una cagnolina che nelle ultime settimane è stata spesso oggetto di recuperi da parte di passanti e carabinieri. Siamo a La Muda. La cagnetta è stata recuperata perfino dal Servizio veterinario (il proprietario ha poi pagato una multa), ma la bestiola successivamente è stata ritrovata da carabinieri, mentre altre volte da persone che passavano nei pressi della galleria dei Castei, tra il Cordevole e la montagna. È sempre Cristiano Fant, di Siamo tutti animali, a lanciare l'allarme: «In quella zona la gente spesso preme sull'acceleratore e può capitare che per evitare il cane qualcuno prima o poi rischi di farsi molto male, magari uscendo di strada. Bisogna intervenire. I cani vaganti in provincia rappresentano un problema che non viene risolto, perché non basta una sanzione amministrativa, ai proprietari i cani vanno tolti». Siamo tutti animali chiede di prendere in mano, una volta per tutte, la situazione. «Si chiede solamente che venga applicata la legge 60 del 93 - incalza Fant , che i sindaci educhino i cittadini. Noi siamo disposti a fare conferenze gratuite alle amministrazione. I cani vaganti «sono un problema grosso, ce ne segnalano molti a Cirvoi, ad Orzes. C'è gente che ha paura ad andare fuori la sera perché soprattutto al Orzes, incontrano un cane lupo cecoslovacco -afferma Fant -. Si sa di chi è e la cosa è stata segnalata ai vigili, ma abbiamo anche pitbull e pastori tedeschi che vagano senza proprietario. Non c'è stata un'ordinanza specifica, non è mai stato fatto nulla. Dobbiamo arrivare all'incidente grave prima di intervenire?». Siamo tutti animali riferisce di aver segnalato via Pec la questione. «Capisco che le risorse sono poche, noi siamo qui anche per questo. Le conferenze le facciamo gratis, sono una ex guardia zoofila, le normative le conosco. Dopo di che, non ce la prenderemo più con il sindaco, ma con chi non viene agli incontri». (Fe.Fa.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA