Giovane operaio muore stritolato dalla betoniera

Per costruire quel muraglione di contenimento del vigneto il suo titolare l'aveva richiamato a Verona proprio domenica dalla Moldavia, il suo Paese, dove era andato per rivedere la famiglia. E ieri, lunedì pomeriggio poco dopo le 16,30 in campo sopra Fumane, in Valpolicella, lui era lì al lavoro: quando non si sa ancora come è finito stritolato dentro un macchinario per miscelare il cemento attaccato da un Bobcat, una piccola ruspa.
È morto così un giovane moldavo, 33 anni, sposato e residente a Verona. L'ennesima vittima sul lavoro nel veronese. Con lui stavano lavorando il titolare dell'azienda, sempre moldavo, ed altri due ragazzi della stessa nazionalità che al primo urlo del giovane sono corsi per cercare di aiutarlo. Ma era già tardi: le lame del macchinario l'avevano già preso ad un braccio e poi mortalmente al capo.
Il gravissimo incidente è avvenuto a Cavalo di Fumane, in località Le Corone, dove i quattro muratori stavano lavorando alla costruzione di un muro di contenimento di una terrazzamento per un nuovo vigneto su un terreno di proprietà di una cantina di Marano.
Sul posto sono subito giunti i soccorsi inviati dal 118 di Verona ma gli operatori dell'ambulanza non hanno potuto nulla: il giovane era già morto. A quel punto sono arrivati anche i carabinieri di Caprino, gli uomini dello Spisal dell'Ulss 22 ed i vigili del Fuoco di Verona per le indagine del caso. Il cantiere è stato posto sotto sequestro.
© riproduzione riservata

Martedì 20 Ottobre 2015, 04:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giovane operaio muore stritolato dalla betoniera
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER