Giochi di un tempo: sfide sabato in Largo Castaldi

Giovedì 18 Luglio 2019
FELTRE
(e.s.) I giochi di una volta rivivranno sabato pomeriggio in centro a Feltre grazie all'iniziativa Fuoribandius che farà scoprire a tutti i giovani i giochi più comuni che facevano i nostri nonni ed i nostri bisnonni. Sabato Largo Castaldi a Feltre diventerà un grande parco giochi. Dalle 15.30 alle 18.30 infatti il salotto della città ospiterà Fuoribandus!, primo di tre appuntamenti dedicati alla riscoperta dei giochi di un tempo e di altre culture e di valorizzazione di luoghi della nostra città. Protagonisti del pomeriggio i divertimenti dei nostri nonni e bisnonni: un salto indietro nel tempo dunque per accompagnare i bambini dai 5 ai 14 anni alla riscoperta di giochi quali pandol, kubb, biglie, tappi, corda, elastico, volano, trottole, campanon e tanti tanti altri. «Vi saranno diversi laboratori-gioco attivati in contemporanea spiega Cristian De Moliner, presidente Sedico Sport Academy e bambini e ragazzi potranno divertirsi a passare dall'uno all'altro. Il tutto liberamente, unici requisiti sono infatti la voglia di muoversi e stare insieme e l'abbigliamento comodo». «L'obiettivo afferma Debora Nicoletto, assessora alle Politiche Giovanili e familiari è quello di offrire sempre più alle famiglie delle iniziative a dimensione family coniugandole con attività interessanti e diversificate. Tre appuntamenti dedicati al gioco, da quelli popolari a quelli tradizionali a quelli particolari. Il tutto in tre luoghi diversi: Largo Castaldi, Parco del Boscariz e l'ex Manifattura. Tre pomeriggi di divertimento ma anche educativi valorizzando i luoghi della nostra città. Si comincia sabato 20 in Largo Castaldi». L'iniziativa è organizzata da ASD Sedico Sport Accademy in collaborazione con ASD Terreno di Gioco nel quadro del progetto MyPark elaborato dal comune di Feltre in collaborazione con Tib Teatro di Belluno, soggetto capofila del più ampio progetto Luoghi e Nonluoghi i bambini abitano il territorio, progetto selezionato da Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA