CANALE D'AGORDO
In attesa che papa Francesco e il cardinale Beniamino Stella

Mercoledì 20 Ottobre 2021
CANALE D'AGORDO In attesa che papa Francesco e il cardinale Beniamino Stella

CANALE D'AGORDO
In attesa che papa Francesco e il cardinale Beniamino Stella scelgano la data nella quale sarà proclamato Beato papa Giovanni Paolo I, la sua casa natale di Albino Luciani è attualmente sottoposta ad un riordino totale. Si punta soprattutto sul giardino al fine di renderla più accogliente all'arrivo dei pellegrini e se ne attendono tanti già nei prossimi mesi.
DOPO IL RESTAURO INTERNO
Già nei mesi scorsi, dopo l'acquisto dell'immobile da parte del cardinale Stella, ottenuta dai nipoti di Albino Luciani e la sua successiva donazione alla Diocesi di Vittorio Veneto l'immobile è stato sottoposto ad un adeguato intervento interno della varie stanze che avevano evidenziato qualche cenno di instabilità sui pavimenti, considerato anche che avrebbero dovuto reggere un continuo andare e venire di pellegrini. Ora che l'intervento interno è stato completato si passa al giardino che si affaccia su via XX Agosto e che sarà riqualificato e sistemato a spese del Comune.
UN PICCOLO MUSEO
All'interno del giardino si potranno vedere le formelle bronzee del maestro Franco Murer è sarà anche collocata, probabilmente a fine lavori anche la statua dell'artista trevigiana Carlo Balljana già commissionata dal cardinale Beniamino Stella ancora ad inizio di quest'anno, proprio per poter impreziosire assieme alle opere di Franco Murer questo giardino che sarà visitato e ammirato da tantissimi fedeli.
DOPO L'ANNUNCIO
Dopo l'annuncio da parte del Vaticano del riconoscimento del miracolo attribuito a Papa Luciani da parte di papa Francesco l'interesse dei fedeli si è sorprendentemente riacceso tanto che sono in molti che già hanno telefonato per capire e sapere se sia possibile venire a visitare il paese con il museo e la casa natale.
CARENZA DI POSTI LETTO
Se da una parte Canale si era già preparato a questo evento realizzando già vari servizi per accogliere bene tanti visitatori. Si pensi solo al grande parcheggio realizzato in località Savaion alle porte del paese capace di accogliere vari pullman e un certo numero di vetture. La Fondazione Papa Luciani e la Pro loco attualmente collaborano assieme per poter gestire e accogliere i vari visitatori e pellegrini che arrivano a Canale. Però purtroppo mancano le strutture ricettive dislocate attualmente in paese che sono poche con pochi posti letto, è chiaro che se i numeri di pellegrini dovessero aumentare considerevolmente per poter soggiornare qualche giorno sarà necessario appoggiarsi anche alle strutture ricettive di Caviola e Falcade. Già da tempo la Fondazione Papa Luciani ha avviato una serie di collaborazioni con le varie realtà turistiche della valle e, in particolare, con l'Associazione Albergatori ristoratori e rifugisti della valle del Biois e con la Promo Falcade.
Dario Fontanive
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA