Martedì 20 Agosto 2019, 00:00

Il capo M5S non vuole chiudere al Carroccio C'è il muro dei gruppi: «No Luigi, è un errore»

IL RETROSCENAROMA «Vediamo, aspettiamo». Luigi Di Maio prima di entrare all'assemblea congiunta dei gruppi parlamentari del M5S nonostante tutto era (ed è?) ancora possibilista su una pace (clamorosa) con Matteo Salvini. «Se Conte non si dimettesse subito e Salvini votasse il taglio dei parlamentari, allora potremmo rimetterci intorno a un tavolo: rinegoziare il contratto su 5 punti qualificanti per noi e non subire il rimpasto secondo i loro desiderata. Anzi, saremmo noi a dire a Salvini che non può fare più il vicepremier. E lui...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il capo M5S non vuole chiudere al Carroccio C'è il muro dei gruppi: «No Luigi, è un errore»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER