Serra di marijuana in pieno centro a Schio: 36enne insospettabile la coltivava in casa

Lunedì 1 Giugno 2020
Serra di marijuana in pieno centro a Schio: 36enne insospettabile la coltivava in casa
1
I Finanzieri del Comando Provinciale Vicenza, negli scorsi giorni hanno eseguito due perquisizioni domiciliari in due case di Schio, sottoponendo a sequestro una serra per la coltivazione di cannabis.

Nello specifico, le perquisizioni domiciliari eseguite dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Schio nei confronti di D.P., 36 anni, hanno permesso di individuare che in una delle due abitazioni nella sua disponibilità (in pieno centro città) fosse presente strumentazione tecnologica per la coltivazione e l’essiccazione dello stupefacente.

Sono stati dunque sottoposti a sequestro, tra gli altri, un bilancino di precisione, 3 essiccatoi, 51 flaconi di fertilizzante, 9 grinder, 100 cartine, 23 pastiglie di anidride carbonica, 3 pipe ad acqua “bong”, 7 lampade, 3 ventilatori, 5 kit per l’areazione dell’ambiente, 1 compressore, 1 vaporizzatore, 2 microscopi digitali, 4 igrometri, 4 pompe per l’irrigazione, 9 termometri digitali, 4 kit per misurazione del PH, 53 vasi e 17 confezioni di reagente (per sostanze tipo cocaina, eroina e MDMA).

E’ stato sottoposto a sequestro anche lo stupefacente rinvenuto nell’appartamento, consistente in 1 grammo di infiorescenza essiccata e 378 grammi di foglie essiccate di cannabis, 85 semi di canapa, 35 grammi di salvia divinorum essiccata (pianta allucinogena) e un fungo allucinogeno essiccato. La quantità ed il valore della strumentazione rinvenuta (svariate migliaia di euro) non lasciano dubbi in merito al metodo “scientifico” ed specializzato di produzione dello stupefacente.

Nel secondo appartamento, invece, è stato rinvenuto una pistola elettrica taser, strumento di offesa la cui detenzione è subordinata al possesso della licenza prevista dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

Il responsabile, cittadino scledense non gravato da precedenti specifici, è stato segnalato a piede libero alla Procura della Repubblica di Vicenza per coltivazione di sostanze stupefacenti (art. 73, comma 1, del D.P.R. 309/1990) e per detenzione abusiva di armi (art. 697 del codice penale). Il P.M. titolare del fascicolo ha convalidato il sequestro probatorio dei corpi del reato e delle cose pertinenti eseguito d’iniziativa dai militari. Ultimo aggiornamento: 09:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci