Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La valigia di Roberto, vittima della strage di Bologna, arriva alla Bertoliana: canzoni, libri, poesie per fargli concludere il viaggio

Ricercatori hanno ricostruito biografie e profili delle 85 persone uccise dalla bomba nel 1980. Dopo 42 anni hanno così fatto concludere i loro viaggi a tutte. Vicenza vuole d'ora in poi aprire quella valigia ogni anno

Venerdì 5 Agosto 2022 di Redazione Web
Stefania apre la valigia in Bertoliana

VICENZA - Lo scorso 2 agosto Stefania è arrivata a Vicenza alla biblioteca Bertoliana con l’intenzione di affidare a qualcuno la valigia in memoria di Roberto, vicentino, una delle 85 vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980. Stefania è una degli 85 viaggiatori di “A destino”, iniziativa curata dalla Compagnia Teatro dell’Argine in collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla Stazione di Bologna del 1980. Lei è partita dal capoluogo emiliano portando con sé una valigia bianca contenente canzoni, poesie, una lettera scritta di suo pugno, la biografia della vittima vicentina, Roberto, e due libri: "Trattato di funambolismo" di Philippe Petit e "La linea d’ombra" di Joseph Conrad.

Accolta dalla direttrice, Mattea Gazzola, Stefania ha raccontato il suo viaggio, il contenuto della valigia e la scelta dei libri destinati alla città: «Li ho scelti perché la nostra vita è fragile, appesa a un filo… basta una folata di vento e le cose possono mutare da un momento all’altro. In Bertoliana questi libri potranno essere letti e apprezzati». Stefania ha, così, raccontato della vittima vicentina, Roberto Gaiola, della strage di Bologna: «Si chiamava Roberto, aveva 25 anni ed era di Vicenza. Aveva avuto una vita un po’ sfortunata, però sembrava che si stesse rimettendo in sesto per ricominciare da capo… Ma il destino lo ha stroncato».

Stefania, portatrice della valigia del ricordo, con la direttrice della Bertoliana, Mattea Gazzola

Quella valigia è ora a Vicenza, quella che era la destinazione del giovane 42 anni fa, come a terminare simbolicamente il suo viaggio. La Bertoliana intende da oggi ricordare la strage ogni 2 agosto, attraverso la valigia che contiene la memoria ritrovata della giovane vittima. L’iniziativa "A destino" prosegue un percorso iniziato tra il 2016 e il 2017, quando alcuni “narratori” hanno fatto ricerche sulle 85 vittime della strage e ne hanno composto le biografie per aiutare i “viaggiatori” che quest’anno, dopo due mesi di laboratori, hanno portato a termine questi viaggi lunghi 42 anni. Stefania ha raccontato l’esperienza vissuta: «Non sapete i pianti che ci siamo fatti al laboratorio… quel giorno sono morti anche dei bambini, la più piccolina aveva tre anni. Aveva letteralmente tutta la vita davanti». Conclude poi con una nota su Roberto: «Mi sono molto affezionata a Roberto. Ora lui per me è uno di famiglia. Noi vorremmo che la memoria delle vittime continuasse, che continuassero a vivere nonostante quella strage».

Roberto Gaiola, dal sito stragi.it : la bomba alla stazione di Bologna lo uccise a 25 anni

Ultimo aggiornamento: 22:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci