Venne pestato e finì in sala operatoria per aver difeso una ragazza maltrattata. Vittorio, 73 anni, ringraziato dal sindaco

Giovedì 25 Novembre 2021
Cingano e Rucco a palazzo Trissino

VICENZA - Preso a pugni e calci in faccia, a 73 anni, da un delinquente, perchè era intervenuto vedendo che l'energumeno stava maltrattando e picchiando una giovane. Un video choccante aveva peraltro immortalato la scena. Nella giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nella sala Stucchi di Palazzo Trissino il sindaco Francesco Rucco ha consegnato una targa al concittadino Vittorio Cingano per essere intervenuto a fermare un atto di violenza contro una donna nel piazzale del Mercato nuovo il 14 settembre 2020. Per quel gesto l’ingegnere, in pensione, venne a sua volta brutalmente aggredito e ferito. Con lui questa mattina erano presenti anche la figlia, Silvia Cingano, con i nipoti Piero e Martino Mario.

«Ringrazio l’ingegner Cingano per avere accolto l’invito ad incontrarci qui in Comune, accompagnato dai suoi familiari – ha detto il sindaco Francesco Rucco –. Ci eravamo promessi di vederci quando sarebbe stato meglio per esprimergli la nostra riconoscenza a nome della città per l’alto senso civico dimostrato in occasione di un episodio di violenza ai danni di una giovane. Il suo gesto, a dir poco eroico, scuote le nostre coscienze e ci ricorda che se una donna è vittima di un atto di violenza non dobbiamo fingere di non vedere così da incentivare un cambiamento culturale a beneficio di tutti».

 

Mestrino di nascita, vicentino di adozione, Vittorio Cingano ha 73 anni ed è un ingegnere. Quel giorno lui finì all'ospedale, dove venne operato, mentre l'aggressore venne arrestato dai poliziotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA