Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paolo, oggi il compleanno che non festeggerà mai: «Auguri amico mio, la tua mancanza sarà eterna»

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Manuela Collodet
Paolo Dani

VALDAGNO - Oggi, 6 luglio, era il compleanno di Paolo Dani. Un giono di festa spazzato via insieme alla sua vita domenica. Paolo, 52enne di Valdagno, guida alpina esperta, e tecnico dell'elisoccorso di Verona, è stato tra le prime vittime della Marmolada ad essere state identificate: lascia la compagna Giulia Cornale e una figlia 14enne. E un ricordo indeleibile di affetto e stima in tutti quelli che lo hanno cosciuto. Oggi la sua pagina Facebook è un inno all'amicizia, quella vera, quella senza tempo. Quella che va oltre la morte.  

"Amico mio - scrive una sua amica in Facebook - Ti scrivo oggi perché ancora non riesco a darmi pace. Ti scrivo oggi perché è il giorno del tuo compleanno, e come sempre n0n mancavo a farti gli auguri. Non ho pronto con me un regalo materiale da donarti, ma ci tengo scriverti e a parlarti come sempre facevamo. Amico mio, voglio ringraziarti per avermi dato la fortuna di averti conosciuto. Voglio dirti grazie per la bellissima amicizia che è nata tra noi. Un amicizia speciale, rara, che si conta sulle dita di una mano. Di quelle amicizie che non si vedono tanto in giro , perché sono uniche davvero. Fin dal primo momento che ci siamo conosciuti, la nostra amicizia è stata spontanea, sincera, leale, complice di mille risate, e infinite chiacchierate. Fatta anche di piccole incomprensioni e a volte di rimproveri reciproci. Ma c’era fiducia, stima e affetto. Ci bastava uno sguardo per capirci, ci bastava un messaggio scritto in maniera diversa e subito capivamo che qualcosa non andava. Ci siamo cercati nei momenti di bisogno, di aiuto, e anche in quelli più bui e tristi. Ma ci siamo cercati anche per le uscite in montagna, per arrampicare e spesso per camminare e parlare. Ci siamo trovati semplicemente per bere un caffè, per salutarci e per sentire come ci andava. Ci siamo trovati per bere una birra insieme, per sorridere alla vita, per scambiarci consigli e pareri. Ci siamo trovati per confidarci  io e te eravamo un libro aperto e le nostre pagine sono ricordi e tesori scritti per sempre. Fritola io questo libro non lo chiudo te lo prometto!!
Sei una bella persona davvero! La tua simpatia, la tua serietà, la tua professionalità e soprattutto la tua passione per la montagna sei riuscito a trasmettere a chiunque ti fosse accanto. Ti sei fatto amare e rispettare per quello che sei. Sei entrato nel cuore di tutti e per sempre lì rimarrai per noi. La tua mancanza sarà eterna e il dolore è immenso, ma voglio ricordarti pieno di grinta e spirito ! Proprio come eri tu!! Paoletto, Amico mio, tu per me sei come un fratello. Tu sei il mio migliore amico e n0n ti dimenticherò mai.
Tantissimi auguri di buon compleanno ovunque tu sia».

Dal 2012 al 2020 Paolo è stato a capo del Soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, dove era già vicecapo, era tecnico di elisoccorso nella base di Verona dal 2003 e, istruttore regionale dal 2006. Forte anche il cordoglio dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona assieme al personale della Centrale Operativa 118 di Verona: "Domenica sulla Marmolada abbiamo perso un collega, un amico. Paolo Dani era una guida alpina etecnico del soccorso alpino che prestava servizio sul nostro elisoccorso. Un uomo pacato, competente, un professionista prezioso per tutti noi sanitari. Uomo innamorato della montagna e che alla montagna lascia la sua vita. Fai buon viaggio Paolo»

 e tecnico del soccorso alpino che prestava servizio sul nostro elisoccorso. Un uomo pacato, competente, un professionista prezioso per tutti noi sanitari. Un uomo innamorato della montagna e che alla montagna lascia la sua vita. Fai buon viaggio Paolo".

Ultimo aggiornamento: 9 Luglio, 14:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci