Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Mio marito non è rincasato». Scattano le ricerche, ma il 55enne era già morto ai piedi del monte

Mercoledì 17 Agosto 2022
Bosco (foto di repertorio)
4

COGOLLO DEL CENGIO (VICENZA) - Non rientra a casa in serata, la moglie lancia l'allarme e nella notte viene ritrovato ai piede di un monte ormai privo di vita. Questa notte, 18 agosto,  verso l'una e mezza il Soccorso alpino di Arsiero è stato allertato dalla Centrale del 118, perchè un uomo non è rientrato a casa. La segnalazione era arrivata nel pomeriggio da parte della moglie. Dopo l'analisi completata dai Vigili del fuoco sulle celle telefoniche agganciate dal cellulare di D.D.A., 55 anni, di Dueville (Vicenza) è iniziata la ricerca. Prima è stata ritrovata la sua auto parcheggiata al Rifugio al Granatiere sul Monte Cengio.

Nove soccorritori sono quindi giunti sul posto e, fissato il campo base di concerto con i vigili del fuoco, quattro squadre si sono divise su altrettante aree per avviare la perlustrazione. Verso le 3.20 sono stati rinvenuti alcuni effetti personali dell'uomo e purtroppo poco dopo è stato trovato il corpo senza vita alla base di una parete del Monte Cengio. Ottenuto il nulla osta dalla magistratura per la rimozione, la salma è stata trasportata per un'ora e mezzo fino al piazzale dove l'attendeva il carro funebre. L'intervento si è concluso passate le 6.30.
 

Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 10:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci