Fc Bassano 1903, all'asta le maglie della vittoria del campionato per la raccolta fondi contro il Coronavirus

Domenica 5 Aprile 2020 di Francesco Bordignon
Con i campionati sospesi e con un’altra domenica senza calcio, il Fc Bassano 1903 ha deciso di continuare un’altra partita, quella contro il Coronavirus. Ed ecco che arriva una nuova iniziativa, che si include al progetto #iocisto di raccolta fondi della societá per aiutare dieci associazioni del bassanese e di conseguenza le famiglie piú in difficoltá del territorio. In questo caso, si parla di un’asta benefica, con in palio le maglie originali di due dei protagonisti della promozione dello scorso anno, il bomber Nicolò Garbuio e capitan Mattia Battistella.

“Siamo qui perché vogliamo aiutare quelle persone meno fortunate di noi – spiegano i due in un video che sta girando tra i social della societá e i vari gruppi whatsapp dei tifosi - e abbiamo deciso di mettere all’asta le nostre divise della stagione 2018/19, quella che hanno portato alla vittoria del campionato (la prima, storica vittoria per questa societá nata nell’estate precedente ndr). Tutto il ricavato andrà al progetto #iocisto, attivato dalla societá Fc Bassano 1903 per aiutare 10 associazioni del territorio, sono persone che hanno bisogno del nostro aiuto e di tutti voi, dimostriamo di essere una squadra anche fuori dal campo. Insieme ce la faremo!”.

Un messaggio forte per i tifosi, in palio un cimelio importante perché si tratta della maglia con cui i due protagonisti dello scorso anno hanno vinto il primo, storico, campionato per il Fc Bassano 1903. Le regole dell’asta saranno spiegate nei prossimi giorni, con i “vincitori” che saranno svelati il 13 Aprile a Pasquetta (data da segnare sul calendario, come afferma la societá stessa): un grande gesto ancora da parte del Fc Bassano 1903 che ora aspetta la generositá dei suoi tifosi, per poter donare ancora di piú al territorio. Una pratica non nuova per i colori giallorossi, dopo gli aiuti all’Altopiano di Asiago, la campagna per la raccolta fondi per il piccolo Giovanni ed ora per tutte le famiglie piú in difficoltá del territorio.

Una grande famiglia, come spiegato con l’hashtag #famigliagiallorossa, un modo per rimanere uniti in un momento non facile come quello che si sta vivendo non solo a livello locale ma a livello internazionale.          © RIPRODUZIONE RISERVATA