Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cocaina e hashish, valore 100mila euro sul "mercato": smantellato deposito di droga vicino alla stazione, arrestato 42enne

Venerdì 12 Agosto 2022
Droghe e denari sequestrati dalla polizia locale

SCHIO - Manette a un 42enne di Schio, altre due persone denunciate per detenzione ai fini di spaccio. Una montagna di droghe trovata nei "magazzini" di rifornimento di sostanze stupefacenti. La polizia locale dell'Alto-Nordest Vicentino ci stava lavorando da tempo. Le indagini erano iniziate a mese novembre 2021 e si era arrivati a constatare che in un condominio ubicato nei pressi della stazione ferroviaria di Schio era in corso una fiorente attività di spaccio, che spaziava dalla marijuana alla cocaina. 

Stazione, zona "a rischio"

In zona stazione, peraltro, erano anche state condotte di recente delle operazioni come quella del "pusher dei treni", lo spacciatore "con la droga in bocca perché il 26enne di Schio, che viaggiava sulla tratta Thiene-Schio con gli stupefacenti, teneva le dosi tra i denti per poterle ingoiare facilmente in caso di controlli delle forze dell'ordine.Ma alla stazione era poi scattata la rete della polizia locale.

Perquisizioni con cani antidroga

Non sappiamo se quell'episodio fosse in qualche modo collegato all'operazione annunciata oggi. Certo è che il grande deposito di "roba" a disposizione degli spacciatori è stato a lungo lì vicino. Nel luglio scorso la Procura della Repubblica di Vicenza ha emesso un decreto di perquisizione locale e personale, delegando l’intervento alla polizia locale di Schio e Thiene, anche con l’ausilio di cani antidroga. Nella mattinata di ieri, giovedì 11 agosto, è scattata così l’operazione che ha portato a scoprire un centro di stoccaggio in tutta regola di molto consistenti quantitativi di sostanza stupefacente: 600 grammi di cocaina; 1.900 grammi di hashish; 2.300 grammi di marijuana. Droghe varie che avrebbero potuto fruttare una somma di circa 100.000 euro.

Trovati anche 2.900 euro liquidi

Nell’abitazione dell’indagato è stata anche sequestrata la somma di circa 2.900,00 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. L’indagato, un uomo 42enne di Schio, è stato pertanto tratto in arresto a disposizione dell’autorità giudiziaria, e, in relazione agli elementi di prova raccolti, altri due componenti della famiglia sono stati denunciati in stato di libertà per concorso nell’attività di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Ora la parola passa alla magistratura e ai procedimenti che scatteranno.

Ultimo aggiornamento: 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci