Paura del Covid, sospese le visite ai pazienti ricoverati negli ospedali del Vicentino Le eccezioni

Giovedì 22 Ottobre 2020
Paura del Covid, sospese le visite ai pazienti ricoverati negli ospedali del Vicentino

VICENZA - Sospese da oggi le visite ai degenti nell'ospedale "San Bortolo" di Vicenza e in tutti gli altri nosocomi che rientrano nel territorio dell'Azienda Ulss 8 Berica. A darne notizia, con una nota emessa nella serata di oggi, è la direzione dell'Ulss. Si tratta del primo provvedimento del genere assunto in Veneto.

«Alla luce dell'incremento dei casi Covid riscontrati nel territorio - si legge nel testo - in via precauzionale dalla giornata di oggi sono sospese tutte le visite ai degenti ricoverati negli ospedali appartenenti alla stessa Ulss».

Gli altri ospedali interessati dal provvedimento sono quelli di Valdagno e Arzignano. Sono previste alcune eccezioni «riguardanti le visite dei genitori ai figli ricoverati nei reparti di pediatria, ai malati terminali e per situazioni particolari a giudizio dei direttori dei reparti».

In ostetricia rimane la possibilità per i padri di assistere alla fase finale del parto, con adeguati dispositivi di protezione. Dopo il parto, i papà potranno accompagnare il neonato al «nido» e assistere alle prime procedure di assistenza, nelle due ore successive, per poi affidarlo alle cure del personale e a quelle della madre. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA