Tornano i nazisti a Recoaro, ma è solo la ricostruzione dell'ex bunker di Kesselring

Venerdì 9 Luglio 2021 di Redazione Web
Il "posto di blocco" all'entrata al sito espositivo, con figuranti in divisa nazista
1

TERME DI RECOARO - In quello che fu il bunker del feldmaresciallo Albert Kesselring, il comandante in capo  delle forze tedesche in Italia, il quale decise di collocare proprio a Recoaro il comando supremo dell'esercito nazista del nord Italia, rivive lo "spirito" tedesco. Ma si tratta solo, ovviamente, di una ricostruzione storica. Al compendio termale delle terme di Recoaro, è stato installato un nuovo sistema espositivo multimediale all'interno del bunker di Kesselring. Il passato torna nel presente per fermarsi all’aprile del 1945: il 20 aprile di quell'anno, a pochi giorni dalla rotta nazista, gli aerei americani bombardarono il sito. Il bunker resistette al bombardamento a tappeto, tanto che già due ore dopo l'azione il comando tedesco era nuovamente funzionante. Ma le bombe alleate diedero un sicuro impulso alla resa tedesca.

Un po' sinistro, forse, il vedere militari nazisti e mezzi tedeschi della guerra, mani operative degli occupanti germanici in Italia. Ma si tratta di storia, e il visitatore avrà la possibilità di utilizzare pannelli esplicativi, totem interattivi e visori 3D per vedere sia scene ricostruite che l'ambientazione degli uffici, per comprendere gli eventi bellici che hanno caratterizzato  questo importante sito storico. Non solo, per completare il coinvolgimento nel ritorno al passato del periodo dell'occupazione tedesca, il visitatore dovrà attraversare un checkpoint dove saranno presenti costantemente delle guide in divisa militare d'epoca,  che si occuperanno di guidare la visita all'interno del bunker. Un punto infermieristico, inoltre, con personale in divisa da croce rossa sempre di quel periodo, si occuperà del protocollo sanitario dei visitatori e dell’igienizzazione dei visori multimediali utilizzati.

 

Dal 10 luglio inizia la possibilità di visitare il sito. Per tutto il mese di luglio presente un semicingolato tedesco trasporto truppe di 6 metri, funzionante, fornito dal Museo delle Forze Armate 1914-1945 di Montecchio Maggiore. Si possono vedere anche alcune armi e mezzi militari d'epoca, come la motocicletta sidecar Bmw modello R 75.

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione dell’associazione Bunker di Recoaro, che da anni lavora per valorizzare i rifugi antiaerei  come testimonianza storica e che negli ultimi anni ha  svolto attività di promozione e informazione attraverso visite guidate di questo importante sito storico e al finanziamento di privati sostenitori. Terme di Recoaro spa, cha ha in gestione il bunker, crede nella necessità di valorizzare il sito anche con aspetti non attinenti alle Terme, per dare un segnale di rilancio e di ripresa. In occasione dell’inaugurazione il governatore Luca Zaia, non potendo essere presente - si legge in una nota delle Terme - ha comunque rivolto  un saluto e un plauso all’intervento di riqualificazione.

La presidente della società Terme di Recoaro, Paola Borgo, sottolinea: «La riqualificazione del bunker costituisce certo un'opportunità ulteriore di attrazione turistica per il territorio, ma stiamo comunque operando per la riapertura delle cure termali». Dopo l'inaugurazione, la mostra – con ingresso pagamento di 5 euro, gratuito sotto i 14 anni - rimarrà aperta il venerdì, sabato e domenica per tutta l'estate dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18, oltre ai giorni festivi, con prenotazione su eventbrite, sul posto o telefonando al numero 370 105 1290. Maggiori info su recoaro-bunker.it

Ultimo aggiornamento: 8 Settembre, 19:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA