Misterioso e senza autore, l'angelo bianco sulla croce veglia sul paese: e guai a toglierlo

Venerdì 28 Gennaio 2022 di Claudio Strati
Foto tratta dal video di CharliePix: l'angelo bianco sopra Arcugnano

ARCUGNANO - Un angelo, oppure un cittadino. O un manichino. Lo chiamano in tanti modi, ma tutti gli aggiungono l'aggettivo "misterioso". Da alcuni giorni questo signore tutto bianco, del tutto enigmatico, scruta dall'alto il paese, seduto, diciamo comodamente, su uno dei bracci ferrosi della grande croce che sovrasta Arcugnano, nella frazione Torri, a Monticello della Croce appunto, il comune dei Colli attaccato a Vicenza, luogo di imprese, ristoranti, locali agresti.

L'idea è di un performer al momento sconosciuto. A far conoscere l'opera, con il super video girato con il drone, è stato CharliePix, al secolo Charles Hancock, per tutti Charlie. Nato a Roma da genitori stranieri, ha studiato e lavorato all’estero e ora si è stabilito ad Arcugnano sui Colli Berici. Oltre ad amare la fotografia, si definisce un grande appassionato di vela e di ciclismo, e infatti ha fondato "SportPix" per fornire foto ai partecipanti di eventi ciclistici e sportivi. Nel 2004 si è dotato di un drone, e da lì è nato "CharliePix", fornitore di servizi fotografici e video.

Video

Lui è andato a riprendere l'angelo bianco, ha pubblicato immagini e video ed è stato un boom. Le immagini sono diventate, come si dice, virali. Non poteva mancare l'occhio vigile del governatore Luca Zaia, che con il suo staff di influencer da facebook controlla e commenta ciò che accade in ogni quadratino di Veneto. Zaia ha dimostrato di apprezzare questo personaggio (che si vede anche molto lontano dalla pianura) che domina la Pedemontana dall'alto. «L'opera, al momento anonima - ha scritto Zaia - ha destato curiosità nella popolazione, ed è stata interpretata come speranza e buon auspicio per l’uscita dalla pandemia».

Un'altra interpretazione dunque del perché questo manichino sia finito accovacciato sulla croce. Ma chi lo ha fatto? Lo chiediamo direttamente a Charles Hancock. Chi ha realizzato l'uomo bianco appollaiato sulla croce? O sei stato tu? «Con tutta questa pubblicità non so se verrà fuori chi è stato - risponde il fotografo e viodeomaker -  ma per il momento non sappiamo niente».

Insomma si alimenta il mistero. I cittadini appaiono per lo più orgogliosi di questa trovata, ma non tutti, e anche il Comune. Il municipio ha avvertito di una prossima visita all'angelo bianco (così l'ha battezzato il Comune) per controllare la sua sicurezza, con un'operazione organizzata dalla protezione civile. «Ricordo che la torre è proprietà privata convenzionata con il Comune che ne ha organizzato la pulizia ed un intervento di manutenzione considerato il valore identitario del luogo e del manufatto» scrive la voce comunale sui social.

 

Un'attività dovuta per motivi di sicurezza. E subito dai cittadini sono emerse preoccupazioni del tipo "che fanno, ce lo portano via?". «È molto ben ancorato e saldato, sicuramente è stata fatta un'opera d'arte al completo! Gli angeli esistono e proteggono!» scrive un utente social. Un altro: «Controllare la sicurezza dopo che ci è salito sopra qualcuno è un po' tardi, e visto che è tutto aperto, potrebbe essere un incentivo per qualche bravata, e comunque sopra ad una croce non si mette mai nulla».
Interviene Silvia: «Ma perché toglierlo? È così bello. Che fastidio vi dà?». Molto più concreto  Libero:  «Toglietelo, come operazione artistica è brutta e anche vecchia, si facevano negli anni "60». Da parte sua invece Lucia lo trova bellissimo. Mentre l'ironico Graziano propone di fare un referendum...

Intanto il manichino angelo e cittadino continua a osservare (gli arcugnanesi preferiscono dire proteggere) il paese dall'alto. Con il suo bagaglio di misteri. 
 

Foto e video per gentile concessione di CharliePix [facebook.com/CharliePixItaly - web: www.charliepix.com]

Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci