Verona. Sgarbi vuole visitare la mostra fuori orario e "a modo suo": scoppia la lite

Verona. Sgarbi vuole visitare la mostra fuori orario e
VERONA - Bagarre a Verona, protagonista il critico d'Arte Vittorio Sgarbi. In sintesi, Sgarbi, in città per una serie di eventi, ha chiesto di visitare la mostra a Castelvecchio "Bottega, Scuola, Accademia. La Verona dal 1570 alla peste del 1630", peccato che la mostra alle 21.30 fosse già chiusa. Un problema da niente di fronte al critico, tant'è che è stato subito risolto e organizzata una visita notturna. A quel punto, però, l'imprevisto: la visita di sgarbi è stata disturbata dall'intervento dell'assessore alla cultura Francesca Briani che ha voluto, come da regolamento, che per la visita notturna fosse presente anche una pattuglia della polizia municipale. A quel punto Sgarbi è andato su tutte le furie. La pattuglia rimasta sul luogo sino a quando Sgarbi non è uscito dal museo, verso le 22.45.

Perché serviva la pattuglia della mulicipale?
La presenza da regolamento era richiesta dopo il clamoroso furto di opere nel novembre 2015 nel museo veronese. Le maglie della sicurezza da allora si sono strette e in caso di visite fuori orario è previsto il controllo delle forze dell'ordine: il protocollo di sicurezza prevede la presenza sul posto di una pattuglia armata della polizia municipale.

Interrogazione urgente dei consiglieri di opposizione
I consiglieri di opposizione hanno definito l'episodio «gravissimo», presentando una interrogazione urgente. Ma il museo era chiuso da ore. Stando alla versione sostenuta dai consiglieri comunali firmatari dell'interrogazione, Michele Bertucco (Verona e Sinistra) e Federico Benini (Pd) il critico si sarebbe invece presentato direttamente a Castelvecchio, chiedendo di entrare, e al deciso rifiuto della guardia giurata in servizio, si sarebbe poi rivolto al sindaco. Dal Comune di Verona viene però fatto notare come non sia del tutto eccezionale l'apertura extra orario di una sede museale, che però può avvenire, previa autorizzazione, soltanto con i previsti protocolli di sicurezza. Vittorio Sgarbi, deputato, è il presidente del Mart di Rovereto, e tra i suoi progetti rientra anche quello di una possibile apertura di una succursale del Mart a Verona. Le opposizioni a Palazzo Barbieri però insistono: «Questa apertura non si può nemmeno definire straordinaria, in quanto al di fuori di ogni protocollo. Sarebbe sconvolgente scoprire che, dopo tutto quanto è accaduto in passato, basta citofonare per farsi aprire il Museo di Castelvecchio in orario serale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 16:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Verona. Sgarbi vuole visitare la mostra fuori orario e "a modo suo": scoppia la lite
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2019-09-13 14:23:17
CAPRA! CAPRA! CAPRA!
2019-09-12 21:10:16
La prepotenza della nullita'...
2019-09-12 19:06:29
Deve incontrare qualcuno che lo faccia inveire fino a che non sviene.. gli fa inturgidire le vene del collo e pure le arterie dalla rabbia. Tipo un rutto ad ogni"capra".Ma finche' non spunta uno tosto/a che lo metta in crisi...tutti lo chiamano, tutti lo vogliono..persino in Trentino gli affibiano direzioni di uno o due musei..si vede che dopo l'audience suscitata da performance vendono piu'biglietti. W Elisabetta S.
2019-09-12 11:16:15
Mi ricordo un Concerto di Ute lemper al Giovanni da Udine inizio tasativo ore 20,45 se uno arrivava in ritardo non lo facevano entrare anche se aveva il biglietto..indovinate chi è arrivato dopo mezzora con tanto di scorta di polizia ed è stato fatto entrare...
2019-09-12 10:37:16
A parte l'inopportunità della visita "notturna", non capisco perchè Sgarbi si sia scocciato per la presenza dei vigili....