Senza vaccino, ancora grave e intubata la bimba infettata da tetano

PER APPROFONDIRE: bimba, tetano, vaccino, verona
​Senza vaccino, ancora grave e intubata la bimba infettata da tetano
VERONA - Restano gravi le condizioni della bambina di 10 anni di Povegliano Veronese che è stata infettata dal tetano. La piccola non era vaccinata. È ancora ricoverata nella terapia intensiva dell'Ospedale della donna e del bambino al Polo Confortini di Verona, intubata, e la prognosi rimane riservata.

I medici che da martedì mattina - giorno del ricovero d'urgenza - si stanno prodigando nelle cure sono fiduciosi che il decorso della malattia possa essere positivo; i primi giorni dal momento della diagnosi restano cruciali. Il sindaco di Povegliano, Lucio Buzzi, ha confermato che la bimba frequenta una scuola elementare privata in un altro comune e per questo l'amministrazione non era a conoscenza che i genitori non avessero provveduto alle vaccinazioni obbligatorie. La Regione Veneto, attraverso l'Ulss 9 Scaligera, aveva inviato tre solleciti, che sono stati ignorati.

Intanto sui social non si placano le roventi polemiche tra i no vax e il professor Roberto Burioni. Il virologo ha nuovamente puntato il dito contro «la libertà di fare morire dei bambini in nome dell'ignoranza» e dalla sua pagina Facebook ha duramente criticato il Corvelva (Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni), che il prossimo 27 giugno dovrebbe tenere una conferenza stampa in Parlamento sulla libertà di scelta terapeutica. «Quelli che con le loro bugie inducono i genitori a non vaccinare i figli, quelli che hanno sulla coscienza la bambina in fin di vita a causa del tetano vengono ospitati in Parlamento. Chi li ha invitati? Fuori!» ha scritto Burioni. 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 23 Giugno 2019, 13:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Senza vaccino, ancora grave e intubata la bimba infettata da tetano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-06-24 21:50:22
Ma dai Bortolin Giuseppe, la diagnosi sbagliata di Tetano di Torino adesso sarebbe un complotto? Ma piantiamola, facciano gli esami batteriologici e li facciano vedere se ne hanno da mostrare. Quella e' l'unica prova del nove. Non ci giriamo attorno
2019-06-25 13:58:15
Fra le tante cose sbagliate che pubblica, anche gli "esami batteriologici". La diagnosi di tetano è clinica, non laboratoristica.
2019-06-25 16:36:20
Come potrebbe trovare facilmente anche lei se cercasse in siti seri (questo e' del CDC) anziche' in siti farlocchi, legga: "No laboratory findings are characteristic of tetanus. The diagnosis is entirely clinical and does not depend upon bacteriologic confirmation. C. tetani is recovered from the wound in only 30% of cases and can be isolated from patients who do not have tetanus.
2019-06-24 15:56:06
Dal prof. Lopalco: La solita propaganda in questi ultimi giorni si preoccupa di negare che la bambina in rianimazione a Verona non sia affetta da tetano. Chiariamo allora due concetti di base. La diagnosi di tetano è CLINICA. Qualche ignorante sta dicendo in giro che in Italia non si fa diagnosi microbiologica, a differenza di altri Paesi europei. FALSO: la definizione di caso dell'ECDC non prevede conferma microbiologica per segnalare un caso di tetano. A decidere se è tetano o no è dunque il clinico che osserva il caso e fa diagnosi. Il tetano presenta dei sintomi incontrovertibili che ne confermano il sospetto clinico. Altro elemento che ha nutrito le teorie del complotto: il tempo di incubazione. In media un caso di tetano si manifesta dopo 7-10 giorni dalla ferita. In qualche caso anche dopo pochi giorni. Sicuramente non dopo poche ore. La comunicazione su questo aspetto da parte dell'Ospedale non è stata precisa. Forse avrebbe dovuto esserlo, almeno per zittire qualche complottista. Resta il fatto che per prendere il tetano basta la puntura di una spina o una scheggia che si infila in un piede. Non è semplice individuare sempre la ferita di origine. Ultima fesseria: basta un poco di acqua ossigenata per prevenire la malattia. Fosse vero, avremmo risolto il problema del tetano ben prima dell'avvento della vaccinazione. L'acqua ossigenata può impedire nel breve periodo la germinazione della spora, ma non può certo inattivarla! Una spora tetanica resiste a qualsiasi disinfettante. Insomma, è inutile che cerchiate di lavarvi la coscienza. Quella bambina ha preso il tetano perché non era vaccinata e la colpa è di chi ha riempito di scemenze la testa dei suoi genitori.”
2019-06-24 15:53:06
Spero che almeno il conto dell'ospedale lo paghino alla fine ....