Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Turismo e commercio: si cercano 7.000 lavoratori. L'allarme della Camera di Commercio

Lunedì 1 Agosto 2022
Arena di Verona

VERONA - Le imprese veronesi nel settore del turismo, commercio e in quello dei dolci da ricorrenza cercano 7 mila lavoratori per il mese di agosto. Lo rileva la Camera di Commercio scaligera che prevede assunzioni, prevalentemente a tempo determinato per 7.260 dipendenti nel settore del turismo, nel commercio e in quello dei dolci da ricorrenza. Sono 1.290 in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. In 52 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati, a luglio erano 41 su 100.

«La difficoltà nel reperire personale è stato il leit motiv - commenta Paolo Artelio della di Giunta della Camera di Commercio di Verona - di questa stagione turistica. Per agosto si stima che le nostre imprese abbiano intenzione di assumere 1.260 persone nei servizi turistici, di alloggio e ristorazione e altre 1.000 nel commercio. Non senza difficoltà di reperimento». Un'altra importante richiesta di posizioni lavorativa proviene dall'industria alimentare: ad agosto iniziano le campagne produttive dei dolci natalizi, pandori e panettoni. Si cercano 1.060 persone, prevalentemente con contratto a tempo determinato. In totale sono 3.380 le persone ricercate per mansioni di produzione di beni o erogazioni di servizi, in questo campo la difficoltà di reperimento sale al 56%. Molto richiesti sono anche i profili relativi alle aree commerciali e di vendita, 1.110, quelli della logistica, 1.370, e quelli della progettazione, 1.000. I profili più richiesti sono quelli senza preparazione scolastica. Nel 43% dei casi non è richiesto alcun titolo di studio, nel 28% un diploma di scuola superiore, nel 19% un diploma professionale e solo nel 9% dei casi si cerca personale laureato. Nel 18% dei casi le entrate previste saranno stabili, ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nell'82% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita).

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 14:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci