Truffano 30mila euro ad imprenditore vitivinicolo spacciandosi per funzionari della sua banca

Venerdì 18 Settembre 2020
1

Tre persone sono state denunciate per una truffa ad un imprenditore vitivinicolo veronese oggetto di un attacco hacker di vishing, una forma di truffa informatica, simile al phishing, con lo scopo di carpir con l'inganno, tramite servizi di telefonia, informazioni private. I lestofanti si erano spacciati per la sede centrale dell'istituto bancario solitamente utilizzato dalla vittima, convincendola a fornire i codici pin del proprio conto perché «era in atto nei confronti del suo conto corrente un tentativo di intrusione». Avuti i dati, sono stati prelevati asportati dal conto corrente circa 30mila euro. Le indagini dei carabinieri di Verona hanno portato a rintracciare i responsabili del raggiro: due uomini e una donna, residenti rispettivamente nel napoletano, foggiano e viareggino, già noti per simili reati. 

Ultimo aggiornamento: 19 Settembre, 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA