Socio di un'autoscuola beccato con 138 chili di droga: arrestato, caccia ai due complici

Martedì 27 Aprile 2021 di Redazione Web
Socio di un'autoscuola beccato con 138 chili di droga: arrestato, caccia ai due complici

VERONA - Dal Veronese dove lavora e risiede (è socio  di un’autoscuola) al porto di Savona in  Liguria per recuperare un carico da oltre un quintale di cocaina. Già coinvolto nell’inchiesta  «patenti facili», imputato insieme a  colleghi di altre 11 scuole guida, ora è finito in manette per 138 chili di droga  con due complici. Il carico  veniva dal Sudamerica: i tre uomini dovevano  recuperare da un container i panetti. Ma il loro piano è fallito perchè si è attivata la Guardia di Finanza di Savona.
Il blitz dei militari, all’interno dell’area portuale di Vado Ligure, è scattato subito dopo che il trio era riuscito a caricare l’intero carico di coca su un’Audi A3. Era l’una di notte di sabato e la Finanza, che stava tallonandoli, ha intimato loro l’alt ma il conducente ha tentato con diverse manovre di investire i militari appiedati. Subito dopo, sentendosi braccato e con le vie d’uscita chiuse dalle vetture dei militari, il terzetto ha deciso allora di abbandonare il veicolo con dentro i 138 kg di droga tentando la fuga a piedi.

Due dei fuggiaschi non sono ancora stati trovati, mentre al suo rientro a Nogara, dove i Baschi Verdi già lo stavano aspettando, è finito dritto in carcere Armando Brahimi, albanese di 45 anni,residente proprio sopra l’autoscuola di cui è socio.

Ultimo aggiornamento: 16:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA