Spara due colpi alla vicina per provare la sua nuova pistola scacciacani

Venerdì 19 Novembre 2021
Spara due colpi alla vicina per provare la sua nuova pistola scacciacani
4

VERONA - Un veronese di 52 anni ha sparato dal bancone di casa con una scacciacani alla vicina per provare la pistola. È l'incredibile, quanto assurdo, il gesto compiuto ieri - giovedì 18 novembre 2021 - da un uomo a Verona, in via Poerio, per fortuna senza conseguenze, se non un gran spavento, per la donna. 


Spari contro la vicina

Ieri, intorno a mezzogiorno, gli agenti delle Volanti sono dovuti intervenire in via Poerio, dopo che un cittadino aveva contattato la Centrale Operativa della Questura, segnalando che il suo vicino di casa aveva appena esploso due colpi d’arma da fuoco in direzione della moglie. Protagonista della vicenda un 52enne incensurato che ha ammesso agli agenti di aver provato poco prima la sua pistola scacciacani, affacciandosi dal suo terrazzo ed esplodendo due colpi in direzione del palazzo limitrofo. Di fronte all’uomo, però, proprio sulla sua linea di tiro, si trovava la vicina di casa che, allarmata dopo aver udito il primo colpo, si era sporta sul terrazzo per vedere cosa stava accadendo e ha visto il dirimpettaio puntarle l’arma contro e premere il grilletto.

Arsenale in casa

Nell’abitazione dell’uomo gli operatori hanno trovato un vero e proprio arsenale: 3 fucili, 2 carabine, 10 pistole (tutte a salve ma prive di tappo rosso) oltre a centinaia di munizioni, un machete lungo 46 cm, una lancia in metallo lunga 190 cm, un pugnale a serramanico, un pugnale militare e una fionda in metallo. Gli agenti hanno, inoltre, rinvenuto tre manufatti costruiti dal 52enne, verosimilmente allo scopo di ricreare armi da fuoco ad uso sportivo.
Nel garage dell’abitazione, l’uomo si era anche costruito un poligono da tiro in cui si esercitava con le proprie armi. Al termine degli accertamenti, tutto l’arsenale rinvenuto nell’abitazione è stato sequestrato e il 52enne è stato denunciato per minacce aggravate e getto pericoloso di cose.

© RIPRODUZIONE RISERVATA