Tra gli stand Salvini superstar
Arriva Di Maio, i due si "sfiorano"

PER APPROFONDIRE: luigi di maio, matteo salvini, vinitaly
Tra gli stand Salvini superstar
Arriva Di Maio, i due si "sfiorano"
VERONA - Parte il Vinitaly 2018, e il primo giorno è una kermesse di vini, certo, ma oggi il red carpet è particolarmente interessante e la sfilata di politici è davvero intensa. Presenti il leader della Lega Matteo Salvini, quello del Movimento 5Stelle Luigi Di Maio, e poi ancora la presidente del Senato Elisabetta Casellati che ha tagliato il nastro insieme al presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Non basta? A Verona oggi sono arrivati anche Giorgia Meloni e il segretario reggente del Pd e ministro uscente dell'Agricoltura Maurizio Martina, ma si è visto anche Renato Brunetta. Insomma, ci sono proprio tutti.

Selfie, strette di mano, lo scrittore, l'alpinista e scultore Mauro Corona al suo fianco: è un ingresso da star quello di Matteo Salvini al Vinitaly, attorniato da decine di telecamere e cronisti e avvicinato ad ogni metro da curiosi e espositori. «Noi qui - ironizza il leader della Lega in diretta Fb - siamo tutti astemi e vegani». Qualcuno gli dice che è un bell'uomo. E Salvini si schermisce ironico: «Io bello? Colpa del vino...». E nel primo pomeriggio alla kermesse è arrivato anche Luigi Di Maio, leader del M5s, che ha subito fugato ogni dubbio: oggi non ci sarà alcun incontro fra lui e Salvini. Ma Di Maio ha anche lanciato una stilettata alla coalizione di centrodestra, affermando che 
«chi si ostina a proporre un centrodestra unito propone una strada non percorribile e che può fare anche danno» al Paese. 


+++ IL LEADER LEGHISTA +++
Salvini visita il padiglione della Sicilia, quindi quello dell'Emilia-Romagna, dove «l'applausometro» del Vinitaly sale sensibilmente. «Io l'ho anche votata sa», gli confida un espositore nell'orecchio mentre c'è chi gli chiede di non mollare nella partita di governo. «E chi molla?», replica il leader leghista. In tanto gli chiedono un selfie e due giovani che lavorano nel padiglione, una volta che Salvini si allontana, si sofferma sul prossimo arrivo del leader M5S Luigi Di Maio, previsto per le 14. «Di Maio viene qui? No, questa è l'Emilia, qui non entra. Sempre forza Lega, sempre forza Salvini, dobbiamo abolire la Fornero».


«PRONTO PER IL GOVERNO»​
«Per il governo io sono pronto». Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini nel corso della sua visita al Vinitaly. Parlando dei rapporti tra Italia e Ue Salvini quindi sottolinea: «L'Italia è nel cuore dell'Europa e non è seconda a nessuno». 

«A BERLUSCONI? OFFRIREI UNA FANTA»
«Un governo con il centrodestra unito? «Il mio obiettivo è questo, spero anche degli altri». Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini parlando con i cronisti al Vinitaly. Cosa offrirei a Silvio Berlusconi? «Un bicchiere di Fanta. Non è buona ma è tanta»...replica con una battuta Salvini.

IL CASO DI MAIO... E LO "SFORZATO"
Per quanto riguarda i rapporti con il Movimento 5 Stelle invece Salvini è netto: «Non c'è nessun incontro con Di Maio». Lo afferma sottolineando come resterà alla fiera di Verona fino alle 18, ovvero «fino alla chiusura dei cancelli», anche il leader dei grillini sarà infatti oggi presente alla manifestazione. Salvini è arrivato poco dopo le 10.30, assediato da telecamere e giornalisti. E ha avvertito: «Oggi non c'è spazio per la politica». 

Che bicchiere offrirei a Di Maio? «Uno Sforzato perché si deve sforzare a fare qualcosa di più». Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini parlando con i cronisti nel corso della sua visita al Vinitaly. «Io un bicchiere di vino lo berrei con tutti, sono gli altri che devono decidere che tipo di vino bere», sottolinea ancora Salvini facendo una metafora "enologica"» sulla partita di governo. 

 


MAURO CORONA AL FIANCO DI SALVINI
​Insieme a lui lo scrittore e ambientalista Mauro Corona. Sono molto amici. "Ma io sono di sinistra e lui no", dice Corona. E litigate? "Macché - dice lo scrittore - siamo un po' come il mio collega Stefano Benni e Grillo. Molto amici ma ognuno con le proprie idee rispettando quelle dell'altro. Benni non è mai stato grillino, io non sono salvinista. Sono alpinista". 


+++ ARRIVA IL LEADER M5S - LUIGI DI MAIO STRONCA L'IPOTESI DI UN INCONTRO +++
«Non c'è nessun incontro con Salvini. La quetione del governo è molto seria e non si affronta al Vinitaly che è un evento importantissimo ma per un settore». Lo ha detto il leader M5s Luigi Di Maio parlando con i giornalisti alla fiera veronese. Non solo i due leader di Lega e M5s non si vedranno oggi a Verona, Di Maio ha anche lanciato un monito a Salvini e a tutti gli alleati della coalizione di centrodestra: 
«Voglio che sappiate che il M5s è al lavoro per un governo che dia risposte, chi si ostina a proporre un centrodestra unito propone una strada non percorribile e che può fare anche danno» al Paese.

GOVERNO DI CAMBIAMENTO: PROPOSTA ANCHE AL PD
«Noi non siamo fermi, lavoriamo per un contratto di governo sui temi, per capire gli obiettivi comuni tra il programma del M5S e quelli della Lega e del Pd. L'ipotesi di un governo del cambiamento la proponiamo anche al Pd, io voglio fare un appello al senso pratico a tutti, non ci si può fermare e bloccarsi sulle logiche politiche». Lo afferma il capo politico del M5S Luigi Di Maio nel corso della sua visita al Vinitaly che, sull'ipotesi di un mandato esplorativo alla presidente del Senato Elisabetta Casellati aggiunge: «Questo lo decide il presidente».

 
 


+++ ALLA KERMESSE ANCHE GIORGIA MELONI +++
«Per quanto un bicchiere di vino possa favorire il dialogo, il vino veritas, non credo sia il giorno per poter mettersi a parlare di questo». Lo afferma la leader di Fdi nel corso della sua visita al Vinitaly rispondendo a chi gli chiede se incontrerà sul governo il capo politico M5S Luigi Di Maio, anche lui in arrivo alla fiera di Verona. Sulla partita di governo Meloni sottolinea: «Crediamo che si debba riconoscere il voto popolare con una guida di governo che spetta alla coalizione di centrodestra. Speriamo che il M5S voglia darci una mano». Poi la Meloni si sofferma a parlare dei rapporti con Berlusconi: «Non nego che con Berlusconi ci siano state delle incomprensioni in questi giorni per alcune sue frase ma credo sia giusto mantenere gli impegni presi con i cittadini» mantenendo «l'unità della coalizione». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 15 Aprile 2018, 11:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tra gli stand Salvini superstar
Arriva Di Maio, i due si "sfiorano"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2018-04-15 19:33:30
Mio Nonno diceva"ricordati che il vino si puo fare anche con l'uva"
2018-04-15 19:03:07
Salvini se potesse scaricherebbe Berlusconi ma, senza non potrebbe governare - Di Maio farebbe l'accordo con FI ma senza Berlusconi. A mio avviso è perché con Berlusconi entrambi e in particolare Di Maio sarebbero condizionati in tutto e per tutto per le scelte che andrebbero a fare - Il Berlusconi per loro è una figura troppo ingombrate e imbarazzante.
2018-04-15 18:50:52
Mi ricorda la barzelletta del politico e della prostituta a tavola per un incontro galante mentre brindano e non sanno del rispettivo "impiego"..."Sono onesto" dice il politico, "Sono vergine" asserisce la prostituta...
2018-04-15 18:39:21
Tanto show e pochi fatti. Ormai questa farsa inizia a nausearmi. Ci mancava anche la vetrina del vinitaly con le perle di saggezza di Corona (scrittore, ambientalista, politologo...? Ma quando mai).
2018-04-15 18:24:02
E cosa dovrebbe fare di maio? Mai più berlusconi tra i piedi....si sa che ha un mare di soldi che però non fanno la felicità