Pedofilia, quattro "casi Viganò" in Italia: uno all'Istituto Provolo

Pedofilia, quattro "casi Viganò"  in Italia: uno all'Istituto Provolo
VERONA - Quattro "casi Viganò" in Italia, quattro casi di pedofilia «passati per le mani» del Vaticano che «non sarebbero stati trattati con la tolleranza zero promessa ma con negligenza». Li denuncia l'associazione internazionale di vittime di abusi di ecclesiastici "Eco Global". I quattro casi riguardano il preseminario vaticano Pio X, l'Istituto Provolo di Verona, il caso di don Mauro Galli della diocesi di Milano e quello di don Silverio Mura della diocesi di Napoli. 

LE DENUNCE DEGLI EX ALLIEVI
«Sodomizzato da una quindicina di preti»
«Violentati dai preti del Provolo»: gli ex allievi vogliono essere risarciti

IL DOSSIER VIGANO'
Il dossier firmato dall'arcivescovo Carlo Maria Viganò, ex Nunzio negli Stati Uniti (fu a suo tempo all'origine di Vatileaks sotto il regno di Benedetto XVI, scoperchiando un sistema finanziariamente corrotto e infiltrato dalla lobby gay) contiene pesantissime testimonianze riguardanti uno dei casi più scabrosi di copertura del sistema di pedofili, quello del cardinale Theodore McCarrick, già arcivescovo di Washington e munifico finanziatore della Santa Sede. Viganò racconta che già o ai tempi di Benedetto XVI McCarrick – abusatore e insabbiatore di casi allo stesso tempo – il caso era talmente evidente da avere costretto l'allora Papa Ratzinger ad imporgli per punizione una vita di totale preghiera. Cosa che non fu applicata, probabilmente perché intervenne a proteggerlo l'attuale ordinario di Washington, cardinale Donald W. Wuerl, altro generoso benefattore verso il Vaticano. Viganò aggiunge che il caso era talmente scabroso e risaputo che Papa Francesco, al momento della sua elezione (marzo 2013), era al corrente di tutto ma anch'egli scelse la via del silenzio, facendo finta di nulla, stavolta in virtù di un antico legame di amicizia con un altro chiacchierato cardinale Oscar Maradiaga, salesiano, uno dei principali elettori di Papa Bergoglio e tra i suoi più ascoltati consiglieri. Solo la scorsa estate Papa Francesco si è deciso a togliergli la porpora e ad espellerlo dal collegio cardinalizio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 2 Ottobre 2018, 15:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Pedofilia, quattro "casi Viganò" in Italia: uno all'Istituto Provolo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-10-09 20:13:46
Del Provolo ne lessi già diversi anni fa. Una cosa ENORME, visto il numero dei ragazzi portatori di handicap coinvolti e le modalità dell'insieme. Ma l'impressione che ne ebbi fu che la faccenda rimanesse confinata in ambiente locale e con un un profilo bassissimo. Un alto prelato coinvolto pesantemente - pensate - e defunto, era addirittura oggetto di interesse per una futura beatificazione....
2018-10-03 00:41:11
Questo cardinale Oscar Maradiaga, che la scorsa estate Papa Francesco ha dovuto espellere dal collegio cardinalizio, qui si dice che era "uno dei principali elettori di Papa Bergoglio". Dunque, immagino che avesse le stesse idee, moderniste, progressiste e terzomondiste...
2018-10-03 00:38:07
Ripugnante. Solo tra quelli passati per l'Istituto Provolo, si parla di almeno una quindicina di individui. Compresa gente che la domenica saliva sul pulpito e predicava... ma immagino che per chi stupra dei bambini un po' di faccia tosta non sia un problema.
2018-10-02 15:59:17
Il Vaticano mi fa venire ormai la nausea e Papa Francesco mi ha profondamente delusa. La Chiesa si rappresenta male e chi la rappresenta farebbe bene a predicare meno in giro
2018-10-02 15:41:34
4?tralasciando qualche zero