Due operai morti schiacciati a distanza di poche ore: avevano 42 e 37 anni

PER APPROFONDIRE: incidente, lavoro, morto, operaio, verona
Due operai morti schiacciati a distanza di poche ore: avevano 42 e 37 anni
VERONA - Grave incidente sul lavoro è avvenuto oggi dopo mezzogiorno in via Valpantena 8 a Verona, nei pressi del vivaio Verde Valle.  Per cause in via di accertamento un operaio veronese 42enne, residente a Villafranca di Verona, è rimasto schiacciato sotto una pesante lastra di cemento all'interno del cantiere dei lavori per l'ampliamento della tangenziale est.

Avvisati dal Suem118, i pompieri sono accorsi con due squadre, tra cui un'autogru, per salvare l'operaio. Nel frattempo l'uomo è stato soccorso dai colleghi, che lo hanno estratto e affidato alle cure del personale sanitario, presente con eliambulanza, che purtroppo ne ha dovuto constatare il decesso.


Dopo la tragedia di questa mattina, un nuovo infortunio mortale sul lavoro è accaduto nel pomeriggio a Minerbe. Ha perso la vita un lavoratore romeno che risiedeva nel Rodigino. Aveva 37 anni. L'uomo, dipendente di una ditta esterna, è rimasto schiacciato da un mezzo in movimento mentre era impegnato in un intervento di manutenzione nel mangimificio Zanon. È morto sul colpo, inutili i soccorsi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Giugno 2018, 15:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Due operai morti schiacciati a distanza di poche ore: avevano 42 e 37 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-22 00:36:13
Forse non si lavora più con la dovuta tranquillità e la troppa fretta vanifica ogni sicurezza .........forse.-
2018-06-21 22:45:39
l'imprenditore che non rispetta la sicurezza e ci sono morti nella propria azienda deve andare in galera e non con la condizionale va fuori ma le pene devono aumentare minino 10 anni senza sconti
2018-06-21 18:51:30
Siamo la regione con più morti sul lavoro che ne pensa il governatore con il bignami?
2018-06-22 06:48:07
Il governatore pensa a salvare il prosecco dalle tempeste in arrivo. Secondo lui in veneto le USSL sono le migliori ma sono carenti nelle sicurezza sul lavoro. Mi ricordo qualche anno fa dovetti fare ben 3 denuncie (non anonime, ma con tanto di generalità e recapiti telefonici) prima che ci fosse l'intervento degli addetti; arrivarono in 6 quando ne bastava 1 al massimo 2, anche qui uno spreco di denaro pubblico.
2018-06-21 16:36:00
Prima i veneti!Che vergogna!