Due vincite record al Gratta e Vinci in 20 giorni: bloccati i 3 milioni, indagati il vincitore brasiliano e l'amico

Giovedì 29 Aprile 2021 di Redazione Web
foto di repertorio
5

VERONA - Due vincite record al Gratta e Vinci, fatte dalla stessa persona in meno di 15 giorni, per un totale di 3 milioni di euro. Una "coincidenza" parsa molto strana alle autorità di vigilanza, che ha così portato all'apertura di un'inchiesta a Verona nei confronti del vincitore milionario, un piastrellista brasiliano di 40 anni.

L'inchiesta è stata aperta dalla Procura di Verona, in seguito alla segnalazione scattata dall'Uif, l'Unità di informazione bancaria della Banca d'Italia, che ha allertato la Guardia di Finanza dopo che il 40enne aveva disposto un bonifico di 800mila euro sul suo conto corrente in un istituto di credito brasiliano. Nel mirino degli investigatori anche un assegno circolare da 80mila euro, per una non meglio precisata donazione. «Si tratta di un atto dovuto - ha spiegato l'avvocato Giovanni Chincarini, che assiste l'uomo -, ma pur nella sua eccezionalità siamo di fronte ad una doppia vincita assai fortunata».

Finora non sarebbero emerse anomalie nella doppia vincita milionaria: l'uomo, residente in provincia di Mantova, lo scorso 4 febbraio ha vinto un milione di euro con un biglietto preso in una tabaccheria nel modenese, poi il 24 dello stesso mese altri due milioni con un biglietto acquistato a Garda assieme ad un amico, un veronese di 47 anni.

Il sudamericano, da 3 anni in Italia, lavora come piastrellista. È indagato assieme all'amico con il quale aveva "grattato" il secondo biglietto.

«Va precisato - ha aggiunto l'avvocato Chincarini - che ci sono due indagini pendenti presso la Procura di Roma per accesso abusivo al sistema informatico di Lottomatica, la società concessionaria che distribuisce i biglietti del Gratta e vinci, ma sul mio cliente non ci sono stati accertamenti di nessun tipo». «Ci siamo attivati su richiesta dell'Uif che ha segnalato un'operazione che presentava obiettivi profili anomali» ha spiegato il comandante provinciale della Gdf di Verona, Vittorio Francavilla. «Le verifiche che abbiamo operato - ha concluso - sono state molto approfondite per eventualmente rilevare situazioni giuridicamente rilevanti, che al momento non sono emerse».

Ultimo aggiornamento: 1 Maggio, 12:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA