Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Blitz antidroga: in manette 4 albanesi e un tunisino, spacciavano anche la terribile 6-mam, l'eroina che uccide

Mercoledì 20 Luglio 2022 di Redazione Web
Blitz antidroga: in manette 4 albanesi e un tunisino, spacciavano anche la terribile 6-Mam, l'eroina che uccide
2

VERONA - Importante blitz antidroga dei militari della Guardia di Finanza di Verona che ieri hanno sgpminato una banda albanese-tunisina, dedita al traffico di stupefacenti fra cui la terribile eroina che uccide, la 6-Mam. I finanzieri hanno eseguito 5 arresti nei confronti di altrettanti indagati: 4 albanesi di età compresa tra i 31 e i 41 anni e di un 50enne tunisino, dimoranti nella provincia di Verona, ritenuti responsabili di aver smerciato eroina e marijuana a numerosi pusher della zona.

In particolare, 4 soggetti sono stati raggiunti dalle misure cautelari nei comuni di Verona, Cerea e Sona, mentre il quinto, inizialmente irreperibile e inserito nell’apposita banca dati dei soggetti da ricercare, con l’ausilio dalla Polizia di Frontiera di Villafranca di Verona, è stato individuato tra i passeggeri di un volo in arrivo all’aeroporto scaligero proveniente dall’Albania. Ad attenderlo allo scalo veronese ha trovato finanzieri e poliziotti che lo hanno arrestato.

Il blitz è frutto di una serie di indagini svolte tra febbraio e settembre del 2021, nel corso delle quali le Fiamme Gialle scaligere hanno sequestrato, tra l’altro, oltre 3 chilogrammi di eroina, un chilogrammo circa di marijuana, oltre 35 di sostanza da taglio, nonché presse, stampi, setacci, frullatori e bilance, tutto materiale utilizzato per l’approntamento e il confezionamento della droga.

L’operazione, Bavaria 2021, ha fatto luce su un gruppo criminale di matrice extracomunitaria che si occupava del reperimento di droga con l’allestimento di una vera e propria «raffineria». Gli spacciatori provvedevano poi a tagliare e a confezionare in vario modo in relazione alle richieste del mercato: è stato accertato che lo stupefacente smerciato risultava anche contenere 6-mam (6- monoacetilmorfina), una sostanza derivata dalla morfina e del tutto simile all’eroina, ma con effetti più rapidi e pesanti poiché ottenuta con l’aggiunta di una quantità eccessiva di acido cloridrico, quindi ancora più pericolosa per la salute.

Le indagini, che avevano già condotto i finanzieri all’arresto di 4 persone, sono state rese più difficoltose per le estreme cautele utilizzate dagli indagati che facevano uso di telefoni-citofono, adoperati solo per lo scambio di messaggi di testo tra fornitore e cliente e impiegavano, per non dare nell’occhio, auto utilitarie, peraltro, intestate a prestanomi.

Particolare attenzione era riservata anche al linguaggio utilizzato per concordare con i sodali gli incontri finalizzati allo scambio di droga («…domani non ho impegni verrei con la carne per grigliarla…») oppure per discutere della quantità («…prendo più costate? O solite?...»). S

Dall’inizio dell’anno 2022 i Finanzieri  hanno arrestato 13 persone e sequestrato oltre 42 chilogrammi di droga. Questa ulteriore importante operazione testimonia, dunque, come resti sempre alta l’attenzione e continuo l’impegno della Guardia di Finanza per contrastare il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti e smantellare i contesti criminali che traggono enormi profitti, a tutela della legalità e della sicurezza dei cittadini. 

Ultimo aggiornamento: 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci