Arena di Verona sotto sequestro: pezzo della stella di Bra si stacca e cade sui gradoni.Chiusura fino al 30 gennaio

La struttura in acciaio, alta 70 metri e pesante 78 tonnellate, dal 1984 viene allestita tra il monumento e piazza Bra in occasione delle Festività natalizie

Lunedì 23 Gennaio 2023
L'Arena di Verona

VERONA - L'intero monumento dell'Arena di Verona è stato sottoposto a sequestro dalla Procura che ha aperto un fascicolo per danneggiamento colposo in seguito al crollo di una parte della stella cometa durante le operazioni di smontaggio della stella collocata in piazza Bra a Verona. L'incidente è avvenuto nella tarda mattinata di oggi 23 gennaio 2023, durante le operazioni di movimentazione della gigantesca struttura in acciaio, alta 70 metri e pesante 78 tonnellate, che dal 1984 viene allestita tra l'Arena e piazza Bra in occasione delle Festività, diventando negli anni un punto di richiamo anche per i turisti.

 

La base in acciaio è ruzzolata lungo i gradoni, danneggiandoli, precipitando nella cavea che in inverno e completamente sgombra dalle poltroncine che in estate accolgono gli spettatori durante gli spettacoli lirici e i concerti. Al momento del crollo all'interno dell'Arena non c'erano visitatori perché oggi, lunedì, è giorno di chiusura al pubblico. La quantificazione dei danni è ancora in corso da parte dei tecnici dell'Area monumenti del comune di Verona e della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Verona. Il soprintendente uscente, Vincenzo Tinè, già trasferito a Padova, ha effettuato un sopralluogo. L'anfiteatro è sotto sequestro e quindi non sarà aperto al pubblico almeno per tutta la settimana. L'indagine è coordinata dal sostituto procuratore Alberto Sergi.

La Fondazione Verona per l'Arena e il Comune

Le operazioni di smontaggio della «Stella» sono ad opera di Fondazione Verona per l'Arena, responsabile del cantiere e dell'installazione e smontaggio, che allo scopo ha incaricato una ditta specializzata. Per consentire tutte le verifiche necessarie è stato disposto il sequestro dell'area interessata e l'anfiteatro che rimarrà chiuso al pubblico fino al 30 gennaio. Sono intervenute tutte le autorità competenti, Forze dell'Ordine, Soprintendenza Archeologia BB.AA. e P. e sul luogo si sono recati il sindaco Damiano Tommasi, la vicesindaca e assessora all'Edilizia monumentale Barbara Bissoli. Quanto alla dinamica, che è oggetto di tutte le verifiche del caso, al momento risulta che si sia verificato lo scivolamento della struttura di appoggio posizionata sui gradoni sommitali. Le operazioni di smontaggio sono state programmate di lunedì, giorno di chiusura al pubblico del monumento per consentire l'accesso ai soli addetti ai lavori. Non si sono registrati danni alle persone. «È un dispiacere constatare un tale danneggiamento allo straordinario monumento romano che rappresenta Verona in tutto il mondo - afferma la vicesindaca Barbara Bissoli - L'evento odierno dimostra, se ve ne fosse bisogno, che l'utilizzo dell'Arena deve essere accompagnato da grande perizia e rispetto, perché qualsiasi danno rappresenta una ferita non sanabile». 

Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 13:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci