Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Voga veneta, le motivazioni della squalifica: «La sanzione è immediata dopo il test»

Martedì 18 Gennaio 2022 di Tullio Cardona
Voga veneta, le motivazioni della squalifica: «La sanzione è immediata dopo il test»

VENEZIA - La commissione tecnica e disciplinare ha concesso tutte le possibilità e i tempi a Renato Busetto per discolparsi. Lo si evince dalla narrazione storica degli eventi, così come riportata dal verbale della stessa commissione. Il regatante, come noto - è stato sanzionato con 13 mesi di squalifica a partire dal 5 settembre 2021, oltre alla squalifica del gondolino viola e al ritiro della bandiera conquistata, e l'esclusione dal premio in denaro.


LA PRIMA CONVOCAZIONE

Si viene a sapere che già il 10 settembre, dopo aver ricevuto l'esito positivo alle sostanze da cannabis rilevate a seguito delle analisi antidoping eseguite appena dopo la prestazione sportiva, la commissione aveva convocato Busetto negli uffici comunali informandolo della situazione, affinché svolgesse ogni azione che ritenesse più opportuna per contrastare quanto prima facie accertato dagli esami medici. Su consiglio della stessa commissione, Renato Busetto e Roberto Busetto hanno rinunciato a partecipare alla regata seguente, quella di Burano, poiché non si sarebbe potuto evitare, con forme di sospensione, di rendere pubblico l'esito del referto medico. Il 13 ottobre veniva fissato un nuovo incontro, nel quale veniva richiesto un termine a difesa, rinviando la discussione al 26 ottobre. Con ciò la commissione, presieduta da Alvise Bragadin, ha rigettato l'eccezione presentata dal patrocinante di Busetto, Gianmaria Daminato, il quale aveva sostenuto la mancanza di una contestazione formale. Parimenti, la commissione non ha ritenuto degna di accoglimento l'eccezione di genericità della convocazione, in quanto anche nel verbale redatto il 13 ottobre viene esplicitato il motivo della convocazione di Busetto.


CONTESTAZIONI TARDIVE

Bragadin, nel verbale sottoscritto da tutti i componenti della commissione, osserva come vi siano delle criticità che lo spirito sportivo deve superare con la collaborazione di tutti al solo ed esclusivo fine di garantire una più equa e rispettosa condotta di gara. Il riferimento principe della squalifica di Busetto trova origine nell'articolo 35 del regolamento delle regate della voga alla veneta, il quale prevede esclusivamente che l'accertata positività di un regatante al test effettuato comporti la sua immediata squalifica. «Va da sé - continua il verbale - che la contestazione mossa nella memoria difensiva del regatante circa le modalità con le quali si è svolto il controllo, paiono alla commissione assolutamente tardive e strumentali alla contestazione del risultato delle stesse».
«Nei bandi alle regate viene fatto richiamo alle normative vigenti previste dal Coni, con lo spirito di costituire un deterrente ad un comportamento non consono e con tale menzione si è cercato di favorire il rispetto di ogni regola, al fine di evitare che si possa anche solo ipotizzare che nel gesto atletico della voga alla veneta sia tutto consentito, compreso lo strumento medico illecito».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci