Il Vitruviano di Leonardo resta alle Gallerie: il Tar blocca il prestito al Louvre

PER APPROFONDIRE: louvre, tar, venezia, vitruviano
Il Vitruviano di Leonardo resta alle Gallerie: bloccato prestito al Louvre  Il Ministero : «Incomprensibile»
VENEZIA - Dopo il ricorso presentato da Italia Nostra, il Tar del Veneto ha sospeso oggi, 8 ottobre, il prestito al museo del Louvre dell'Uomo Vitruviano di Leonardo, conservato nelle Gallerie dell'Accademia di Venezia. Tenendo conto dell'apertura della mostra parigina, prevista per il 24 ottobre, il tribunale amministrativo ha deciso di anticipare la discussione in camera di consiglio, annunciata per lo stesso giorno, al 16 ottobre.

LA RISPOSTA DEL MINISTERO.  «Da una prima lettura delle anticipazioni stampa risulta del tutto incomprensibile il riferimento a una presunta violazione del principio dell'ordinamento giuridico per cui gli uffici pubblici si distinguono in organi di indirizzo e controllo da un lato, e di attuazione e gestione dall'altrò nello scambio di opere tra i musei italiani e il Louvre». L'ufficio legislativo del Ministero dei Beni e delle Attività culturali (Mibact) commenta così la sospensione del prestito dell'Uomo Vitruviano, disposta dal Tar del Veneto, parlando di «procedura trasparente».

IL LOUVRE. «No comment. È una decisione che spetta all'Italia»: questa la reazione del museo francese.


APPROFONDIMENTI E INTERVISTE SUL GAZZETTINO DI DOMANI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 8 Ottobre 2019, 16:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Vitruviano di Leonardo resta alle Gallerie: il Tar blocca il prestito al Louvre
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 41 commenti presenti
2019-10-10 07:41:19
Quindi i musei del mondo sbagliano a prestare ai musei italiani opere d'arte da loro custodite. Interessante, ragionamento balengo, fuori da ogni logica ma interessante.
2019-10-09 05:13:44
Non si manda in giro per il mondo un capolavoro inestimabile ed unico ! Chi vuole ammirarlo, venga qui. Se al ministero non capiscono, hanno sbagliato mestiere.
2019-10-09 00:06:28
Finalmente una bella notizia!!!!....non basta ai francesi il frutto delle ruberie di napoleone a Venezia????
2019-10-08 21:17:03
Eppure basta girarsi di 180° per ritrovarci davanti alla gioconda un gigantesco dipinto che occupa tutta la parete di fronte: Le Nozze di Cana del Veronese. Immenso: circa 10 metri di lunghezza per 6,7 di altezza. Da Wikipedia sappiamo che «il Veronese fu incaricato di dipingere la parete di fondo del refettorio benedettino del complesso architettonico progettato da Andrea Palladio sull’Isola di San Giorgio Maggiore. La grande intesa tra Veronese e Palladio fu determinante per il formidabile risultato finale, la cui enorme fama si diffuse presto per tutta Europa. Tanto che, nel 1797, Napoleone Bonaparte fu inesorabilmente determinato nel volersene appropriare come risarcimento delle spese di guerra. La tela fu smontata dalla parete l’11 settembre di quell’anno, fu tagliata in diversi pezzi e spedita a Parigi al Musée du Louvre,
2019-10-08 21:08:58
Mai una volta che la tv inquadra la gioconda e non gira l’occhio al quadro che gli sta difronte. 60 mq, grande come un miniappartamento, pittura rubata da napoleone a santa maria maggiore