Dopo 40 anni arriva il permesso edilizio per costruire la casa

Sabato 1 Agosto 2020 di Vittorino Compagno
Il municipio di Vigonovo
VIGONOVO - Sembra uno dei paradossi de “La legge di Murphy”, ma è capitato davvero a Vigonovo. Quaranta anni fa una ventina di cittadini vigonovesi acquistò altrettanti lotti di terreno edificabile, ubicato nel centro urbano della frazione Tombelle, per costruirsi la propria abitazione. La pratica edilizia è durata 4 decenni. Tutto si è “felicemente” risolto nei giorni scorsi. Ma, ahimè, nel frattempo molti proprietari sono deceduti. L’iter edilizio/amministrativo per ottenere la concessione è passato attraverso sei sindaci e sette mandati amministrativi. Nonostante non abbiano mai potuto costruirci sopra, i proprietari dei lotti hanno dovuto continuare a pagare le imposte per abitazioni mai realizzate. Anche una querela presentata anni fa contro il comune di Vigonovo si è arenata contro granitici scogli burocrati, molto probabilmente gli stessi che fino a pochi giorni fa hanno bloccato il progetto. E, per non farsi mancare nulla, si è aggiunta pure una misteriosa sparizione di documenti inerenti alla pratica edilizia.

VARIANTE Dopo l’acquisto dei terreni, è subito intervenuta una variante al piano regolatore generale. Da allora è stato tutto un susseguirsi di inghippi, intoppi e ostacoli che hanno bloccato ogni edificazione. I 40 anni trascorsi non hanno giocato a favore degli interessati perché, nel frattempo, sono intervenute nuove normative edilizie e diversi standard edificatori, non più equiparabili alle direttive iniziali. Nell’imbarazzante vicenda, vittima e carnefice di se stesso, c’è rimasto dentro fino al collo anche il Comune di Vigonovo in quanto proprietario di tre lotti edificabili. La questione è giunta tra i banchi del Consiglio comunale e, come sopra riportato, nei giorni scorsi si è arrivati alla definizione della pratica. I proprietari sopravissuti e gli eredi di quelli defunti potranno realizzare la loro abitazione nell’area posta a ridosso della chiesa parrocchiale di Tombelle. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA