Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vigonovo, il "miracolo" degli 8 velobox: un centinaio di multe e le auto corrono meno. Ecco dove sono

Lunedì 8 Agosto 2022 di Vittorino Compagno
Vigonovo, il "miracolo" degli 8 velobox: un centinaio di multe e le auto corrono meno. Ecco dove sono
1

VIGONOVO - Il miracolo dei velobox. Saranno pure casse vuote, come molti hanno tenuto a puntualizzare sui social locali, sta di fatto che a un mese dalla loro dislocazione la velocità media dei veicoli transitanti sulle strade comunali coinvolte è scesa in maniera drastica. Il calo medio delle velocità è sceso del 18,17%. Il calo medio di ipotetiche infrazioni è calato del 66,7%. In via Roma, nei pressi degli impianti sportivi comunali, la diminuzione è stata addirittura del 77%. Le infrazioni più gravi, quelle con velocità che superano il limite di 60 chilometri, sono scese dell'80,15%. I velobox posizionati sulle vie Cadiceto, Roma, Veneto, Dante e Pascoli sono otto.

Funzionano a rotazione e solo quando al loro interno viene installato un autovelox vero e proprio. Il vero deterrente sta nel fatto che nessuno è a conoscenza dei tempi di attivazione. Il calendario delle rotazioni, assolutamente segreto, è deciso dal comando di Polizia locale. Durante l'attivazione gli agenti devono presidiare il luogo, ma non hanno l'obbligo di essere visibili agli utenti della strada. Per ora le contravvenzioni finora stilate per eccessi di velocità sono un centinaio. La stragrande maggioranza degli utenti stradali sanzionati non risiede in paese, ma è solo di passaggio, segno evidente che i vigonovesi hanno già assimilato il provvedimento. Il posizionamento dei velobox è frutto di uno studio sul traffico veicolare che l'Amministrazione comunale ha commissionato a una ditta specializzata nel settore.

Sulla scelta dell'azienda ha influito il giudizio della Polizia locale, che prima di dare il proprio benestare ha preso in considerazione diverse proposte. La scelta è caduta su Noi sicuri project srl, un'azienda di Brescia che segue già altri 150 comuni italiani. L'iniziativa ha consentito all'amministrazione comunale di cogliere l'obiettivo minimo, che era la riduzione della velocità di attraversamento. «Data la vicinanza con Padova, Vigonovo è particolarmente interessato da un elevato transito veicolare che non va a beneficio delle attività locali - spiega l'assessore alla Polizia locale Marco Nalin - Se la quantità di veicoli è comunque giustificabile, quello che non è accettabile è la velocità con cui gli utenti transitano lungo le nostre principali arterie.

I velobox, che abbiano o no l'autovelox incorporato - conclude Nalin - funzionano comunque da deterrente e il report preso in esame dopo appena un mese dalla loro installazione ci conforta molto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci