Venice Marathon: colpo di scena al traguardo, la rimonta incredibile e la vittoria di Anderson Seroi. Il podio Foto Video

Domenica 24 Ottobre 2021
Da Stra al cuore di Venezia, oggi è il giorno della Venice Marathon

E' il giorno della Venice Marathon, grande festa oggi per la 35. edizione di Confindustria Venezia Venicemarathon, che dopo l'edizione virtuale e simbolica dello scorso anno. Atleti di corsa sullo straordinario percorso che da Stra giunge nel cuore di Venezia, in Riva Sette Martiri. Una gara sentita e amata, che va oltre la competizione sportiva, anche se quest'anno il brivido c'è stato davvero al traguardo: nella gara maschile Anderson Seroi ha messo in scena un recupero straordinario, tagliando per primo il traguardo in 2:12.21.

LUNEDì 25 OTTOBRE LA CLASSIFICA COMPLETA SUL GAZZETTINO IN EDICOLA

VENICE MARATHON, IL COLPO DI SCENA AL TRAGUARDO

Video

 

Il podio dei kenioti

La 35/a maratona di Venezia è stata vinta da Seroi Anderson Saitoti in 2 ore 12 21, in quella che è stata una gara che ha visto sul podio un terzetto di kenioti. Secondo infatti è arrivato Kangogo Justus Kipkogei in 2 ore 13 34 e terzo Kipleting Chumba Gilbert in 2 ore 13 55. L'azzurro, dell'esercito italiano, Marco Salami è giunto quarto 2 ore 14 57 alla sua prima maratona.

Prima delle donne un'italiana, anche lei dell'Esercito, Sofia Yaremchuk in 2 ore 28 12 anche lei all'esordio. Saitoti ha vinto in solitaria dopo aver superato di slancio, in Piazza San Marco, Kangogo che negli ultimi due chilometri è andato in crisi.

La Venice Marathon si è corsa in presenza registrando oltre 10.000 partecipanti di cui circa 3.000 donne (compresi i partecipanti alla versione ridotta di 10 Km) e diversi stranieri in rappresentanza di oltre 60 nazioni. I paesi con il maggior numero di iscritti sono la Francia (191) seguita da Gran Bretagna (127), Germania (100), Austria (70), USA (54), Polonia (46), Spagna (37) e Giappone (26).

Sul Gazzettino di lunedì 25 ottobre troverete tutta la classifica.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Ottobre, 14:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA