Lunedì 8 Aprile 2019, 22:41

Il pestaggio a Venezia: in venti contro quattro, uno dei feriti è grave

PER APPROFONDIRE: baby gang, feriti, pestaggio, venezia
CENTRO STORICO In alto campo San Geremia, teatro dell’ultima aggressione di sabato notte

di Davide Tamiello

Li hanno aggrediti senza nessun motivo, in venti contro quattro. Il risultato: due ragazze e due ragazzi, tra i 25 e i 30 anni, sono finite all’ospedale con prognosi dai 7 ai 40 giorni. L’ennesimo atto della baby gang di Venezia, che negli ultimi mesi ha messo a segno più di una decina di aggressioni con il medesimo copione. E il registro, appunto, è sempre lo stesso: pestaggi in branco su obiettivi casuali, con il solo scopo di ferire degli estranei. Il paragone con “Arancia meccanica”, il film culto...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il pestaggio a Venezia: in venti contro quattro, uno dei feriti è grave
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-04-10 17:08:09
Finché Paul Kersey...
2019-04-10 12:35:14
Multare i genitori!!! Fategli pagare 2000 euro a ciascuno o in alternativa 3 mesi ad eliminare le defecazioni dei cani per le calli di Venezia...po' vojo vedar se ghe pasa ea voja...
2019-04-10 10:14:57
Il gazzettino dice 20 contro 4 a Venezia. Con la foto di San Geremia. La Nuova Venezia dice 30 contro 2 a Mestre. Con la foto del Centro le Barche.
2019-04-10 09:21:04
Il Prefetto vuole vedere i genitori ? il Prefetto Zappalorto deve dire ai suoi uomini di tenerli in galera,il Prefetto deve parlare con i Magistrati per portare via la potestà genitoriale,altrimenti questi finiscono dalla barbara d'urso in televisione,sanno chi sono e dove abitano quindi questa è una farsa.
2019-04-09 19:58:15
Nel 1999, 5 ragazzini mi assalirono vicino campo san Luca. Ricordo che a fine 1999 tornavo a casa dopo essere stato al Torino bar in campo San Luca. Andavo di fretta perché volevo vedere la regata di Luna Rossa. Ebbene fui colpito alla testa da un oggetto, credo un sasso, gli unici intorno a me erano 5 ragazzini. Io dissi, ma ragazzi perché non andate a bere qualcosa anziché rompere le scatole alla gente? Si misero in cerchio intorno a me tirando calci stile karate senza arrivare a colpirmi, ma poi uno colpì il mio orecchio facendomi sanguinare. Io presi una delle roteanti gambe e feci cadere a terra uno di questi. Poi decisi di entrare in un albergo dove sapevo che c'erano dei poliziotti che facevano da scorta ad autorità itineranti. Finalmente sentì parlare questi ragazzi. L'accento era Veneto, ma oramai tutti, a parte me, sanno parlare il veneto. Di sicuro quelli che imparano l'italiano crescendo nel Veneto. Mi minacciarono ulteriormente sfidandomi in una palestra vicino Rialto. -------- Io penso che questi giovani che picchiano per noia la gente siano mal educati da istruttori di arti marziali oltre che dai propri genitori..