Lunedì 19 Agosto 2019, 00:00

Turismo cinese a circuito chiuso in città: scoppia la rissa con gli italiani

PER APPROFONDIRE: cinesi, turismo, venezia
Turismo cinese a circuito chiuso in città: scoppia la rissa con gli italiani
VENEZIA - Una lite tra cinesi e italiani, i pontonieri di Avm si mettono in mezzo per dividere i due gruppi e alla fine hanno la peggio, finendo all'ospedale con contusioni ed escoriazioni. È accaduto sabato pomeriggio attorno alle 17 in riva degli Schiavoni ai pontoni da cui vengono sbarcati ogni giorno migliaia di turisti. La vicenda di per sè è di poco conto, nel senso che dopo le cure mediche la prognosi non supererebbe i tre giorni, ma è emblematica del clima che si respira nel settore dei trasporti di turisti cinesi dal Tronchetto a Venezia. Un mondo sul quale più volte anche il Gazzettino ha puntato i riflettori rivelando un mondo poco conosciuto e soprattutto poco trasparente. Una sorta di circuito chiuso che fa in modo che le comitive fin dal loro arrivo non spendano quasi nulla se non su attività in qualche modo riconducibili a soggetti cinesi o loro associati.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Turismo cinese a circuito chiuso in città: scoppia la rissa con gli italiani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2019-08-21 20:18:54
Avevo mandato un commento spiegando cosa era realmente successo, ma è stato censurato. Proprio bene, così rimane questo articolo fuorviante che accende commenti che non c'entrano nulla con i fatti realmente accaduti. La rissa era tra i cinesi ubriachi(e non solo) e 3 turisti. È stata sedata dalle guardie giurate (non i pontonieri) e da veneziani li presenti. Il cinese più grosso (quello con la maglia nera) affrontava anche uno dei carabinieri intervenuti. I cinesi venivano dal milanese e parlavano italiano e non sono arrivati dal Tronchetto.
2019-08-19 22:02:03
C'è solidarieta' e unita' tra le risorse. Lo capisci anche dal saluto coloroso che si scambiano per strada. Sembrano sapere che devono aiutarsi per soffocare questa Italia di razzisti.
2019-08-19 18:06:49
Tutti che si lamentando de sti cinesi: Scusate, ma non era il governo piu' amato dagli italiani che solo pochi mesi orsono ha ricevuto il presidente cinese per sottoscrivere accordi in pompa>magna circa gli scambi commerciali ? Allora non c'eravate ? Ah, gia' eravate tutti in piazza a protestare...
2019-08-19 16:49:41
Chinatown in Venis...
2019-08-19 16:06:47
Questi turisti, sono gli stessi che vanno a dormire negli hotel di Mestre e dintorni arrivando tardi alla sera e partendo presto alla mattina. In questo modo non vengono registrati e pertanto per gli ALBERGATORI, sono introiti in nero, in quanto non pagano tasse e si trattengono la tassa di soggiorno. Questo è possibile in quanto gli Hotel non hanno dipendenti diretti, ma sono forniti da cooperative o società tipo s.r.l. che pagano il personale in barba ai contratti vigenti, i quali stabiliscono che devono essere pagati ad ora. Mentre queste cooperative o s.r.l. pagano a CAMERA RIPRESTINATA, PERTANTO SFRUTTANO I LAVORATORI perchè il tempo per preparare una camera, grande o piccola è di 20 minuti. Vorrei che qualche persona che permette queste cose sistemasse una camera matrimoniale e il bagno ecc. ecc. in questo tempo. LAVORATRICI SE NON VI PAGANO AD ORA, ANDATE DALLA GUARDIA DI FINANZA E SARETE PAGATE SECONDO CONTRATTO.