Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tronchetto proibito per i casalesi. Il testimone: «Mi hanno preso per ore, ho visto la morte»

Venerdì 10 Giugno 2022 di Gianluca Amadori
Tronchetto
2

VENEZIA - «Non ti far più vedere al Tronchetto, o finisci a far compagnia ai pesci».
Renato Veizi, uno degli imputati accusati dalla Procura di aver fatto parte dell'associazione per delinquere di stampo mafioso capeggiata da Luciano Donadio, ha raccontato l'episodio ieri, in aula bunker a Mestre, dove è in corso il processo al presunto clan dei casalesi di Eraclea.
Veizi, 52 anni, albanese di origini, residente a Jesolo da quasi trent'anni, nel 2009 aveva iniziato a lavorare per la Venice Excursions di un imprenditore belga, Patrick Van Den Bremt, il quale aveva deciso di fare concorrenza agli altri operatori locali di trasporto turistico offrendo tariffe stracciate alle comitive che volevano per raggiungere Venezia. Veizi, che svolgeva il ruolo di accompagnatore, ha riferito di minacce e liti continue con i gestori dei granturismo, tanto da spingere l'imprenditore belga a presentare una denuncia ai carabinieri. «Gli dissi che non era quello il modo e che non sarebbe servito a nulla», ha dichiarato Veizi in aula, spiegando di aver quindi illustrato la questione a Donadio per sapere se conoscesse qualcuno a Punta Sabbioni. Ma il boss dei casalesi di Eraclea gli fece chiaramente capire di non avere alcuna intenzione di intervenire. «Mi disse che non era bello rubare il lavoro di altri...»

LE MINACCE
La Venice Excursions non si diede per vinta. Anzi, cercò di estendere l'attività anche al Tronchetto, trovandosi subito di fronte il gruppo che per anni ha gestito i trasporti turistici in regime di monopolio: «Coco Cinese e i suoi uomini mi aggredirono e minacciarono, nonostante avessi detto loro che conoscevo i casalesi di Eraclea», ha ricordato Veizi, facendo riferimento all'imprenditore Otello Novello,da lui definito «il re del Tronchetto», ora indagato per favoreggiamento nei confronti degli esponenti della nuova Mala del Tronchetto (capeggiata da Gilberto Boatto, Paolo Pattarello e Loris Trabujo) nel procedimento appena chiuso dalla Procura antimafia di Venezia.

«HO VISTO LA MORTE»
Veizi ha raccontato di essere andato a chiedere nuovamente aiuto a Donadio che però non assunse alcuna iniziativa. Il boss di Eraclea si limitò a consigliare l'albanese di non andare all'appuntamento che gli era stato fissato. Ma il cinquantenne di Jesolo si presentò ugualmente: «Mi hanno preso di brutto, mi hanno rifilato una pizza in faccia: ho visto la morte - ha riferito al Tribunale - Mi hanno tenuto fino alle 10 di sera».
Rispondendo alle domande dei pm Roberto Terzo e Federica Baccaglini, Veizi ha negato di aver dato fuoco ad alcune barche, versione che è stata fornita da un coimputato nel corso di una precedente udienza come giustificazione alla reazione violenta degli uomini del Tronchetto. E ha negato anche di essersi mai occupato di spaccio di droga e sfruttamento della prostituzione, rispondendo con numerosi «non ricordo» ai quesiti rivolti dalla pubblica accusa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci