Sabato 15 Giugno 2019, 00:00

Tassa d'ingresso. Centinaio: «Così entrare a Venezia costa più caro che a Disneyland»

PER APPROFONDIRE: gian marco centinaio, sbarco, tassa, venezia
Tassa d'ingresso. Centinaio: «Così entrare a Venezia costa più caro che a Disneyland»
VENEZIA - Al Lido per presentare il progetto di riqualificazione dell'ex Ospedale a Mare, destinato a diventare un hotel di lusso (gestito da Th Resort, Club Med con annesso presidio sanitario e la prima Academy italiana dell'hotellerie) Gian Marco Centinaio, ministro di Turismo e Agricoltura - in quota Lega - della compagine gialloverde guidata da Giuseppe Conte e dai dioscuri Luigi Di Maio e Matteo Salvini, qualche sassolino dalla scarpa se l'è tolto. E al di là delle formalità, stuzzicato, è tornato a gamba tesa sul contributo d'accesso a Venezia pronto a entrare in servizio dal primo settembre. Varato, a onor di cronaca, dallo stesso governo a trazione Lega-Cinque Stelle, il contributo era stato criticato via Twitter da Centinaio solo pochi giorni dopo l'approvazione.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tassa d'ingresso. Centinaio: «Così entrare a Venezia costa più caro che a Disneyland»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-06-16 08:11:23
«Così entrare a Venezia costa più caro che a Disneyland» Solo la cultura ed il livello di istruzione leghisti possono produrre un tale paragone.
2019-06-15 20:45:23
Centinaio, se non possono permettersi l'obolo, se ne restino a casa loro, non è obbligatorio visitare Venezia.
2019-06-15 15:24:02
Centinaio...Centinaio di volte?
2019-06-15 13:26:25
Spero che non resti senza conseguenze l'atroce paragone tra una città millenaria che probabilmente ha la più alta e preziosa concentrazione di arte ed architettura del mondo con un finto baraccone dei divertimenti di plastica. Se l'ingresso a Disneyland costasse un centesimo e quello a Venezia mille euro, venire a Venezia sarebbe comunque un ottimo affare. Chi non ha la sensibilità per rendersene conto non dovrebbe fare il ministro, anzi non dovrebbe nemmeno lavorare, perché come si muove rischia di far danni.
2019-06-15 13:15:00
Troppo forte ministro, ci spieghi le sue idee allora.